close x

Catalogo Edizione 2007

Per la XIII edizione di ARTIGIANATO E PALAZZO

Anche questa edizione di ARTIGIANATO E PALAZZO si presenta ricca di spunti interessanti e nuovi contatti con realtà prestigiose oltre a riunire una nuova selezione di cento artigiani, italiani e stranieri, che lavoreranno dal vivo nei tre giorni di Mostra e che saranno il vero cuore pulsante della manifestazione.

In primo luogo siamo orgogliosi di collaborare ed ospitare il Convegno Internazionale “Mestieri d’Arte: un patrimonio per il futuro” realizzato a cura dell’Osservatorio per i Mestieri d’Arte dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze che riunisce eccezionalmente a Firenze i rappresentanti delle più importanti realtà europee che hanno a cuore il futuro dell’artigianato di qualità.

Inoltre prosegue con grande successo la collaborazione con la Provincia di Firenze e l’Apt per l’assegnazione del premio “Il Giovane Genio Fiorentino”, un concorso nato per stimolare la professionalità e la creatività degli alunni delle Scuole Superiori sulle materie prime del territorio fiorentino mettendo in risalto la professionalità anche manuale degli studenti e rilanciando la formazione artigiana nei giovani. Quest’anno il tema prescelto è la lavorazione della terracotta di Impruneta attraverso la realizzazione di “alzate” ovvero quei vasi che ornavano i cancelli e le mura di cinta delle ville fiorentine e che sono ornamenti tipici della nostra tradizione.

Abbiamo poi arricchito il calendario dei tre giorni di Mostra con l’eccezionale presenza a Firenze della Pontificia Fonderia di Campane Marinelli che dal Molise viene per presentarci “La nascita della campana”, la dimostrazione della rottura del mantello della campana ad alcuni mesi dalla colata in bronzo. Anche quest’anno poi CNR – Ibimet partecipa alla mostra con uno studio su “Tessile e Sostenibilità” mentre la Fondazione di Firenze per l’artigianato artistico presenta la pubblicazione “Firenze: Guida ai Mestieri d’Arte”. Questa rinata voglia di lavorare assieme a Firenze ci rassicura e ci convince ancora una volta che le arti applicate all’artigianato abbiano una loro ragion d’essere ed è importante farle conoscere ed un pubblico sempre più vasto, perché la scomparsa di questo “mondo” creerebbe un vuoto culturale irrecuperabile e devastante per la nostra cultura.

Come tutti gli anni siamo gratissimi a tutti i nostri collaboratori ed in special modo a Caterina Romig Ciccarelli e Chiara Cappelli per l’organizzazione, Ester Di Leo che cura i rapporti con la stampa, Luciano Debellis per l’impianto elettrico, Giovanni per il servizio di ristoro, il nostro giardiniere Paolo ed Arturo per il suo prezioso aiuto.

Vogliamo inoltre molto ringraziare l’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, la Banca CR Firenze per essere sempre, anno dopo anno con fiducia al nostro fianco ed Alex Pirera, benefattore generoso e lungimirante.

Giorgiana Corsini e Neri Torrigiani

L’Ente Cassa di Risparmio di Firenze per ARTIGIANATO E PALAZZO

L’Ente Cassa di Risparmio di Firenze è lieto di partecipare ALL’INIZIATIVA ARTIGIANATO E PALAZZO, manifestazione giunta ormai alla sua XIII edizione, che si è confermata nel tempo uno dei punti di riferimento più prestigiosi per la divulgazione della tradizione artigianale fiorentina, una vetrina delle capacità dei nostri professionisti nei diversi settori produttivi. Da anni l’Ente è impegnato nello sforzo di salvaguardare e promuovere i valori legati all’artigianato riconoscendo in esso non solo una fondamentale risorsa economica ma anche un aspetto essenziale della civiltà fiorentina che, nei secoli, ha tramandato un patrimonio di esperienze da conservare e sviluppare. Nell’era della globalizzazione che tende ai grandi numeri, deve essere preservata la qualità del processo artigianale (creatività, bontà dei materiali, personalizzazione del prodotto) che non è necessariamente in antitesi con i meccanismi industriali, purché l’eventuale distanza possa ricomporsi alla luce della ricerca di un nuovo connubio tra stile, funzionalità ed innovazione. La sensibilità fiorentina del gusto è caratteristica peculiare della prassi artigianale della nostra comunità e l’Ente Cassa partecipa a tutte quelle iniziative che consentano a questa specifica inimitabile vocazione di non affievolirsi. In particolare l’Ente Cassa di Risparmio di Firenze quest’anno ha promosso un’iniziativa: “L’Osservatorio dei Mestieri d’Arte” che attraverso una rivista periodica, racconta la storia, la tradizione, le tecniche, i progetti e le innovazioni dell’artigianato artistico fiorentino, analizzando le prospettive per il futuro, il rapporto con il mondo del mercato, della ricerca, della scuola e della formazione.
L’Osservatorio dei Mestieri d’Arte presenterà sabato 19 maggio 2007 dalle 10.30 alle 18.30, nell’ambito della manifestazione ARTIGIANATO E PALAZZO botteghe artigiane e loro committenze, il Convegno Internazionale sull’Artigianato Artistico per discutere il tema “Mestieri d’Arte: un patrimonio per il futuro”. Tra gli obiettivi vi è quello di delineare lo stato dell’arte del settore in alcuni dei più importanti paesi europei, avviare contatti per creare una rete di relazioni con realtà europee il più possibile organica e redigere un manifesto che possa servire da traccia ai decisori politici per le politiche di settore a livello nazionale ed europeo.

IL GIOVANE GENIO FIORENTINO
“LA TERRACOTTA – LA SCUOLA – UN’OPERA”
Concorso sulla Creatività e la Lavorazione della terracotta Imprunetina

La Provincia di Firenze, l’Agenzia per il Turismo il Comune di Impruneta, nell’ambito della edizione Genio Fiorentino 2007 in sinergica collaborazione con Artigianato e Palazzo proseguono l’iniziativa “Il Giovane Genio Fiorentino”.
E’ una idea che nasce dalla forte volontà di rilanciare i mestieri di arte, le lavorazioni tipiche della provincia di Firenze e di stimolare la professionalità degli studenti.
Ogni anno a rotazione viene scelto un materiale caratteristico della produzione artigianale / artistica del territorio della Provincia e quest’anno viene messa in pratica con la lavorazione tipica della terracotta di Impruneta.
Il Giovane Genio Fiorentino, anche se disciplinato con un apposito regolamento, non è un vero e proprio concorso a premi: si tratta piuttosto di una competizione per mettere alla prova le capacità creative dei ragazzi e nasce dalla precisa volontà di dare uno stimolo alle professioni artigiane.
Sono state coinvolte la Scuole Superiori con indirizzo artistico di Firenze e della provincia e più precisamente il Liceo Artistico Leon Battista Alberti di Firenze, l’Istituto Statale d’Arte di Firenze, il Liceo Artistico Virgilio di Empoli, l’Istituto d’Arte per la Ceramica di Sesto Fiorentino.
Le scuole anche quest’anno hanno confermato, con la loro energica partecipazione, l’importanza di questa iniziativa volta ad incoraggiare concretamente la professionalità degli studenti e hanno nuovamente accolto l’iniziativa con entusiasmo.
“Il Giovane Genio Fiorentino, uno degli eventi di spicco del Genio Fiorentino 2007″, istituito per promuovere le attività collegate alle lavorazioni artigianali, ha come scopo la divulgazione della tradizione artigianale fondamentale risorsa economica e elemento essenziale della civiltà fiorentina.
L’evento trova, per questo motivo, una collocazione naturale nell’ambito di Artigianato e Palazzo ed è così che nasce la perfetta sinergia con l’Associazione Giardino Corsini ed Artigianato e Palazzo.
L’intento di fare confluire questa iniziativa nella Mostra di Artigianato e Palazzo è quello di mettere in risalto la professionalità dei giovani artigiani.
L’idea di operare un coinvolgimento degli insegnanti e dei ragazzi delle scuole in una attività professionale strettamente legata al territorio nasce della convinzione che il tema che collega il lavoro dei giovani al territorio fiorentino sia una missione da proporre con vigore.
Le scuole coinvolte, grazie al contributo del Comune di Impruneta e delle Fornaci Storiche, hanno ricevuto un DVD con la spiegazione e descrizione delle tecniche di lavorazione della terracotta, una dispensa con le descrizioni e immagini delle alzate e circa 150 kg di terra.Come per la precedente edizione gli studenti e gli insegnanti hanno avuto a disposizione tutto il materiale necessario per la realizzazione di un manufatto che risponda alle caratteristiche della lavorazione tradizionale della terracotta Imprunetina.
Con il fine di creare uno spirito di unione e collaborazione tra i giovani artigiani quest’anno non saranno i singoli alunni ma le classi intere ad eseguire l’opera e il tema richiesto è quello di “ripensare” una alzata oggetto anticamente utilizzato per la decorazione dei cancelli e delle mura di cinta delle Ville fiorentine.
I manufatti che saranno presentati in concorso potranno essere realizzati sia a tutto tondo (chiusi) sia come vasi (aperti) in modo da lasciare esprimere liberamente i giovani di poter realizzare sculture, bassorilievi o vasi.
L’unico criterio fondamentale che è stato indicato è dato dalla innovazione, infatti abbiamo chiesto la rielaborazione dei modelli tradizionali delle alzate in chiave innovativa.
I manufatti in concorso saranno in totale 8, due per scuola e saranno esposti a Palazzo Medici Riccardi durante i giorni del Genio Fiorentino dal 11 al 17 Maggio e valutati dai turisti che visitano il Palazzo con una apposita scheda.
Le opere che hanno ottenuto i maggiori apprezzamenti dal “pubblico” di Palazzo Medici Riccardi vengono premiate il 18 maggio giorno di inaugurazione della XIII edizione di Artigianato e Palazzo e rimarranno esposte nella Loggia del Buontalenti del Giardino di Palazzo Corsini durante i giorni della Mostra.
L’opera, o le opere, che avranno ottenuto il maggiore apprezzamenti torneranno a palazzo Medici Riccardi dove rimarranno esposte per tutta l’estate con la menzione di vincitori del concorso.
La capacità dei giovani e la lavorazione artigianale dei materiali tipici della provincia di Firenze sono una grande ricchezza da salvaguardare ed è per questo che la Provincia di Firenze insieme all’Agenzia per il Turismo e al Comune di Impruneta hanno ricreato ancora una volta questa sinergia con Artigianato e Palazzo per promuovere con vigore la formazione di bravi artigiani.
Giovanna Cornaro Folonari
Assessore al Turismo e Cultura della Provincia di Firenze

Antonio Preiti
Direttore dell’Agenzia per il Turismo di Firenze

L’Opera di S. Maria del Fiore. L’Antica Bottega

L’antica bottega dell’Opera del Duomo di Firenze è nata per dar vita alla Cattedrale e ancora oggi serve per “mantenere in vita” il Battistero, la Cattedrale stessa, la Cupola ed il Campanile con il medesimo amore ed impegno che è rimasto inalterato nei secoli.
Lo scopo principale della Bottega è quello quindi di “conservare” e proteggere le opere marmoree di proprietà dell’antica Fabbriceria, le cui origini risalgono alla fondazione del nuovo Duomo nel 1296 e all’affidamento di questo alla potente Arte della Lana da parte del Comune di Firenze nel 1331.
Da allora l’Opera ha continuamente costruito, arredato, restaurato e tutelato il complesso del centro sacro della città: oltre ai monumenti, anche gli edifici della canonica sul lato meridionale della piazza, le proprietà attorno al Museo sul lato est ed anche i possessi di fronte alla Cattedrale che furono inglobati a quelli di Santa Maria del Fiore per decreto pubblico nel 1777, così come il Battistero di S.Giovanni.
La bottega dell’Opera, con i suoi oltre settecento anni di storia rappresenta una ricchezza che poche istituzioni museali al mondo possono vantare.
In essa hanno lavorato i più grandi artisti del Rinascimento fiorentino: Donatello, Brunelleschi e Michelangelo, che proprio in questo laboratorio ha scolpito, per conto della Repubblica fiorentina, il David.
Qui operano i tecnici restauratori perpetrando la tradizione nella continuità dei grandi maestri loro predecessori.
Ancora oggi alcuni degli strumenti vengono forgiati a mano ed usati in modo tradizionale lasciando inalterato il senso ed il piacere di scolpire con subbia, gradina e scalpello, anche se l’ausilio delle nuove tecnologie ha permesso in certi casi di eliminare fatiche e lunghi tempi di esecuzione.
Nei secoli scorsi di fronte ad un marmo degradato si preferiva sostituirlo, oggi diventa primario mantenere l’opera originale e, laddove il restauro conservativo non è possibile e anzi, può diventare un elemento di pericolo, si torna a sostituirlo con lo stesso materiale usato all’epoca, riproducendolo rigorosamente a mano e cercando dì dare quella giusta sensibilità che esso può nascondere.
La bottega dell’Opera del Duomo era situata anticamente dietro l’abside della Cattedrale, dove oggi sorge il Museo. Successivamente, nel XVIII secolo, fu trasferita nella vicina rotonda in Piazza delle Pallottole e, nel XIX secolo, nell’attuale sede in Via dello Studio.
Anna Mitrano
Presidente dell’Opera del Duomo di Firenze

Banca CR Firenze ed il Premio Perseo, tradizione e creatività

Il Premio Perseo è uno dei momenti più significativi della Mostra Artigianato e Palazzo botteghe artigiane e loro committenze, arrivata alla tredicesima edizione. Si tratta del riconoscimento che Banca CR Firenze assegna all’espositore più apprezzato dal pubblico, a colui cioè che ha coniugato al meglio l’arte della produzione artigiana con la plurisecolare tradizione fiorentina.
Si rinnova in questo modo lo stretto legame da sempre esistente tra Banca CR Firenze ed il territorio, un legame che ha come obiettivo primario la valorizzazione e lo sviluppo delle risorse produttive locali. E l’artigianato rappresenta in questo senso un insostituibile punto di riferimento per la cultura e per l’economia della nostra regione.
Con questo Premio, Banca CR Firenze vuole dare il proprio contributo alla realizzazione della manifestazione, riconoscendo così i meriti di quegli artigiani che, anche attraverso nuove forme di creatività, sono riusciti a conservare i segreti di lavorazioni ereditate dai secoli passati

Banca CR Firenze

Gli artigiani per l’AIRC

Siamo molto molto grati a Giorgiana Corsini e Neri Torrigiani, organizzatori di ARTIGIANATO E PALAZZO per avere avuto la generosa idea di coinvolgere la nostra associazione chiedendo a tutti gli artigiani di offrire un proprio oggetto che sarà ceduto in contro quota associativa all’AIRC nei tre giorni della manifestazione in un apposito stand nel Giardino Corsini.

Speriamo molto che lo stesso entusiasmo finora dimostrato dagli artigiani, si possa riscontrare anche nei visitatori e compratori così da ottenere il successo che la disponibilità di tante persone si merita.

Sarà un gesto per noi molto importante per dare la possibilità alla ricerca sul cancro di fare un ulteriore piccolo passo avanti in questa lotta che ci deve impegnare tutti quotidianamente.

Anna Marchi Mazzini
Presidente Comitato Toscana AIRC
Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro

Tessile e sostenibilità

Ciascun prodotto porta con sé un bagaglio di energia “nascosta”.
L’energia utilizzata nella trasformazione della materia prima nei prodotti finiti e nei trasporti ha conseguenze sull’ambiente non sempre valutate. In particolare, i prodotti tessili sono tra le tipologie di merci più pericolose in termini di emissioni (nell’ambiente).
L’economia globalizzata, infatti, ha moltiplicato in modo esponenziale i chilometri che i prodotti percorrono prima di finire nei negozi, con un conseguente aumento delle emissioni di gas serra generate dall’uso di combustibili fossili necessari per il trasporto.
L’Europa è la casa di solo il 7% della popolazione mondiale ma usa il 20% delle risorse naturali in termini di fibre, cibo, energia e rifiuti prodotti. Se tutti i cittadini del mondo consumassero come gli europei, avremmo già esaurito le risorse naturali della terra. Ogni cittadino europeo produce annualmente 11 tonnellate di emissioni di CO2 equivalenti.
Stili di vita e scelte di consumo possono contribuire a ridurre questi numeri, soprattutto razionalizzando l’uso di energia in casa, diminuendo il numero di rifiuti prodotti , scegliendo mezzi di trasporto meno inquinanti o acquistando merci che hanno percorso meno chilometri.
Piccoli sforzi quotidiani come abbassare la temperatura del riscaldamento domestico di 2 °C, vestirsi con un maglione in più per non ridurre il comfort, diminuirebbero i consumi energetici medi annui del 10% e ridurrebbero di circa 300 kg le emissioni di CO2 l’anno.
Tra le “semplici” considerazioni che si possono fare sui costi ambientali legati al settore tessile, si può rilevare che i tessuti naturali, come lino e lana, richiedono tempi di smaltimento di 8-10 mesi, mentre i tessuti sintetici addirittura 5000 anni!
E’ per questo che diventa sempre più importante diminuire le distanze tra la produzione ed il consumo avvicinandosi all’ideale “chilometro 0″.
Nell’attualità di queste riflessioni, ispirate dal Convegno Internazionale sull’artigianato artistico “Mestieri d’Arte: un patrimonio per il futuro” del 19 Maggio 2007 presso il Palazzo Corsini, si inseriscono gli artigiani della tradizione tessile locale ed i loro prodotti.
Le realizzazioni della filanda Giannini e della sartoria Old Fashion ben rappresentano all’interno dell’esposizione “Tessile e Sostenibilità” la sintesi di percorsi della produzione artigiana tracciati lungo i sentieri della tradizione toscana.

CNR-Ibimet

Il Palazzo ed il Giardino Corsini sul Prato

La facciata di uno dei palazzi lungo quello che era noto come il Prato di Ognissanti nasconde uno dei giardini più affascinanti di Firenze, la cui semplice e rigorosa bellezza riesce, ancora oggi, a riempirci di ammirazione e stupore.
Acquistato da Filippo Corsini nel 1621 insieme ad “un casamento grande cominciato e non finito”, il giardino dei Corsini viene descritto dal Bocchi nel 1677 come “delizioso… e oltre le piante nobili che l’adornano… arricchito di statue antiche e moderne”. Autore di questo “delizioso giardino” è Gherardo Silvani, l’architetto a cui Filippo e Maddalena Corsini diedero l’incarico di portare a termine la casa iniziata dal Buontalenti per gli Acciaioli, precedenti proprietari del terreno. Secondo quanto ci indicano le fonti possiamo supporre che il Buontalenti avesse praticamente concluso la costruzione del “casamento grande”, un edificio caratterizzato da un piano terreno molto rialzato rispetto al livello del prato e ben aperto alla luce e al verde del giardino. Una grande terrazza coperta costituiva l’ambiente essenziale dell’intero edificio. Oggi, del Buontalenti, riconosciamo la loggia e le grandi finestre inginocchiate mentre l’opera architettonica del Silvani si intuisce in alcuni particolari degli ambienti terreni, quali le decorazioni araldiche di alcuni architravi. È nella parte del giardino all’italiana comunque, con le sue limonaie, le aiuole geometriche dal raffinato disegno, le siepi di bosso, le conche dei limoni e il viale centrale con le statue, che si manifesta chiaramente lo spirito barocco dell’artista, la sua propensione alla scenografia. Per aumentare l’impressione di maggiore lunghezza e profondità del viale l’architetto usò l’artificio di porre le statue e i rispettivi piedistalli ad altezze via via digradanti. A ulteriore conferma che il punto di vista fondamentale era quello dal loggiato posteriore del casino verso via della Scala e non viceversa, anche il putto e i due leoni, posti al di sopra del cancello e dei pilastri laterali, sono con il volto e i musi rivolti verso l’interno e non, come sarebbe logico aspettarsi, verso la strada.
La prima metà dell’Ottocento assume un’importanza decisiva per la storia del casino e del giardino: nel 1834 questa residenza viene destinata ad abitazione di don Neri e di sua moglie Eleonora Rinuccini i quali commissionano una serie di lavori sia di carattere architettonico che decorativo. Viene rialzato il tetto, si costruisce una nuova scala a pozzo, un grande stemma di famiglia affiancato da due ippogrifi viene posto sulla facciata del palazzo e alcune sale vengono affrescate. Tra gli artisti coinvolti in questo progetto ricordiamo Ulisse Faldi, Gaetano Baccani, Luigi Giovannozzi e i pittori Giuseppe Gherardi, Gasparo Martellini e Pasquale Salviotti. Negli stessi anni anche il giardino subisce delle modifiche in chiave romantica: si creano dei boschetti, una montagnola e un laghetto, una trasformazione che è ancora oggi leggibile nelle due masse boscose che chiudono come due quinte verdi il giardino.
L’ultimo intervento sul casino è dei primi del Novecento quando fu commissionato a Vincenzo Micheli un nuovo edificio in stile rinascimentale da costruire accanto all’antico palazzo. Il giardino, come lo vediamo oggi, con la sua fioritura primaverile di cisto rosa e rosso, di lavanda, rose, peonie e ciliegi da fiore, è stato oggetto di un intervento di sistemazione da parte di Oliva di Collobiano e presenta, oltre i due parterres geometrici, le limonaie, con pavimento di terra, grandi sportelloni di legno e larghi muretti per sostenere le conche di agrumi, e un prato con tigli secolari.
Città Nascosta

Città Nascosta, fondata da Marcella Cangioli, Maria de Peverelli e Tiziana Frescobaldi, è una associazione culturale nata per promuovere la conoscenza del patrimonio artistico e storico di Firenze e della Toscana attraverso percorsi che si allontanano dalle tradizionali mete turistiche.
Città Nascosta propone visite in esclusiva che hanno carattere divulgativo e non accademico, rivolte a tutti coloro che desiderano saperne di più delle opere, dei luoghi artistici, delle città, secondo una prospettiva non consueta, attenta alle curiosità celate, al volto “minore‰, se non addirittura “segreto‰, di Firenze e della Toscana. Botteghe artigiane, antiche farmacie, cantieri di restauro, palazzi e giardini abitualmente chiusi al pubblico, sono solo alcuni degli itinerari proposti.
L’Associazione effettua visite in inglese, francese, tedesco e spagnolo.

Per maggiori informazioni rivolgersi a: Associazione Culturale Città Nascosta
Lungarno Cellini, 25 – 50125 Firenze – tel. 055 6802590 fax 055 6801680
www.cittanascosta.com – info@cittanascosta.it

 

ELENCO ESPOSITORI
ACCESSORI
LE CREAZIONI DI BEA
di Beatrice Buccella Lonati
via San Giovanni sul Muro, 5 – 20121 Milano
telefono 02 876843 – 333 4023903

Ho cominciato per caso 11 anni fa, dovendo abbinare ad un abito elegante gli accessori adeguati, e da quel momento è nata la passione che mi ha portato a ricercare materiali preziosi ed innovativi per realizzare le mie creazioni originali ed esclusive: borse, sciarpe, fiori, gonne, cinture. I materiali sono sempe ricercati: per le cinture, realizzate ad uncinetto, viene usato filo argento 920 e pietre vere, perle di fiume, conchiglie di Tahiti; per le chiusure dele borse eleganti argento 800, argento dorato, bachelite vintage (1880-1960).

ACCESSORI E MONILI
OSSIDIANA
di Laura Casini
via San Nicolao, 61 – 55100 Lucca
telefono e fax 0583 464428 – 347 8571758
ossidiana02@tiscali.it

Ossidiana rappresenta la volontà di orientare capacità artigianali, naturali, intuitive in una concreta realizzazione di oggetti che ha trovato negli ornamenti, nei monili la propria via di espressione. Alla base dell’idea quindi è la necessità di esprimere la naturale dote di manualità della sua ideatrice e i monili, da sempre, rappresentano un modo per comunicare gusto estetico e sensibilità. Ossidiana, ispirandosi al gusto etnico, abbina e fonde in maniera armonica stili, tecniche e materiali, reinterpretando una forma di espressione antica quanto l’uomo.

ACCESSORI
NAOKO WATANABE
via A. Ciseri, 11 – 50142 Firenze
telefono 055 784315 – 333 2750721
kimonokraft@yahoo.it

Naoko nasce a Hiroshima in Giappone nel 1976. Terminati gli studi, si trasferisce definitivamente a Firenze nel 2000. Collabora sin dal 2003 con la Stamperia Braille della Regione Toscana per la realizzazione di illustrazioni a rilievo per non vedenti. Nel 2004 partecipa al concorso “Libri Mai Mai Visti” del Comune di Russi (Ra) con l’opera in tessuto di kimono dal titolo “I benefici di una gru” (Premio Arti e Mestieri). Da lì scopre una nuova passione, quella per i tessuti appunto. Oggi è impegnata nella creazione artigianale di accessori e nella realizzazione di manufatti con l’utilizzo di tessuti provenienti dal Giappone, in particolare con quelli da kimono.

ALTA GASTRONOMIA
ANTICO FORNO SANTI
via di Migliana, 156/158 – 59025 Migliana Cantagallo (PO)
telefono 0574 981509
via Nazionale, 121r – 50125 Firenze
telefono 055 283566
www.biscottisanti.com

L’Antico Forno Santi produce artigianalmente, con lavorazione interamente fatta a mano, biscotteria secca: i classici cantuccini alla mandorla, i “brutti boni” ed i biscotti al cioccolato, la nostra grande specialità.
Tradizione, genuinità e passione sono i segreti del nostro lavoro

ALTA GASTRONOMIA
DE GUSTIBUS
di Piro Gerlando
via Circonvallazione, 1 – 92010 Siculiana (AG)
telefono e fax 0922 817356
www.degustibuspiro.it

L’azienda De Gustibus nasce agli inizi del Novecento nella borgata marinara di Siculiana Marina in provincia di Agrigento. L’azienda è conosciuta in tutta la penisola italiana e, con grande spirito innovativo, elabora con passione nuove ricette sia a base vegetale che ittiche. La capacità di interpretare i gusti di una clientela sempre alla ricerca di nuovi sapori ha favorito la nascita di prelibatezze come la crema di pesce spada affumicato e la salsa con le mandorle, senza dimenticare il sontuoso tonno all’olio, lavorato esclusivamente fresco e con materia di provenienza locale.

ALTA GASTRONOMIA
IRISDELICE DI CHOCOLATMAISON
via San Matteo in Arcetri, 47 – 50125 Firenze
telefono e fax 055 229098
Irisdelice di Chocolatmaison
via San Matteo in Arcetri, 47 – 50125 Firenze
telefono e fax 055 229098
bago49@virgilio.it

È nato a Firenze il primo cioccolato all’iris: il fiore simbolo della città che campeggia sul suo gonfalone. Il cioccolato Irisdelice è il sapore di Firenze. Questo inedito cioccolato è stato creato da Barbara Golini per “Chocolatmaison”, scaturito dalla sua fantasia unendo due passioni: i fiori e il cioccolato. Si è così concretizzato un sogno da condividere con gli altri

ALTA GASTRONOMIA
NATURGUSTO
di Mauro Mencaroni
Case Sparse, 1110 – 52042 Cortona (AR)
telefono 333 3914175 – fax 0575 62278
naturgusto@tiscali.it

Il tartufo è un prezioso frutto della terra conosciuto dai tempi più antichi,si hanno testimonianze della sua presenza nella dieta del popolo dei sumeri, apprezzato fino al puntoche il conte Camillo Benso di Cavour l’utilzzò come mezzo diplomatico nelle sue attività politiche,Giocchino Rossini lo chiamò “il Mozart dei funghi” Alexandre dumas lo defini “il sancta sanctorum della tavola….oggi nata da sapienti lavorazioni artigianali siamo orgogliosi di presentarvi la nostra linea di prodotti che vanno dalle salse tartufate al burro con tartufo bianco, dalle fettine di tartufo estivo all’olio estra vergine aromatizzato al tartufo, dalla pasta e riso ai salumi e formaggi con tartufo…

ALTA GASTRONOMIA
PIERO VIVOLI IL GELATO
via Isola delle Stinche, 7 – 50122 Firenze
telefono 055 2302621
www.vivoli.it

La famiglia Vivoli, fin dal 1930, rappresenta il piacere di fare gelato, il piacere di assaggiarlo, il piacere di offrirlo. Il suo gelato è fatto con ottime materie prime, professionalità e amore; ingredienti essenziali per continuare a produrre un gelato squisito, fatto alla “vecchia maniera”.
È possibile gustare il famoso gelato di Vivoli soltanto dove viene prodotto: a Firenze, nel cuore del centro storico, tra piazza della Signoria e Santa Croce!

ARGENTO
FOGLIA ARGENTERIA
di Lorenzo Foglia
via dell’Argin Secco, 2g – 50145 Firenze
telefono 055 310519 fax 055 3029958
www.fogliargenteria.com

La tecnica artistica dello sbalzo e del cesello è rappresentata in ogni sua forma e “colore” dai maestri artigiani Giuliano e Lorenzo Foglia, rispettivamente seconda e terza generazione di orafi argentieri.
Più di settant’anni di progettazioni e realizzazioni di “opere classiche” e di design contraddistinguono la loro bottega che, attraverso i decenni, ha saputo interpretare i gusti e le tendenze di grandi committenze.

BAMBOLE
LA POESIA DELLE BAMBOLE
Associazione Pantagruel
via A. Tavanti, 22a /r – 50134 Firenze
telefono 055 473070
asspantagruel@virgilio.it

Bambole, gnomi, fate dei fiori, interamente fatte a mano, con materiali naturali di prima qualità: pura lana cardata di pecora, lana filata, cotone, seta.
Il progetto è nato nelle sezioni femminili del carcere di Sollicciano – Firenze; attualmente coinvolge circa quindici donne all’interno del carcere e quattro, uscite in affidamento al servizio sociale, che lavorano nel laboratorio esterno che si trova in via Tavanti a Firenze. All’esterno vengono organizzati periodicamente corsi per imparare a fare le bambole.
“La poesia delle bambole” ha il sostegno del Comune di Firenze e della Fondazione Monte dei Paschi di Siena e lavora in rete con altre associazioni.

BIGIOTTERIA
DOROTHEE MARIA CRISTIANE BEUME
via Falcucci, 2 – 50137 Firenze
telefono 055 6123954 fax 055 601651
dorothee.b@libero.it

L’orafa tedesca, da anni in Italia, conosce bene la materia: diamanti ed oro sono stati per lungo tempo il suo “pane quotidiano”. Ma la sua vera passione sono sempre stati i materiali poveri, che diventano belli perché lei li sa scegliere, trattare e combinare. Dalla combinazione di seta (spesso dipinta e cucita da lei), vetro, pietre, terracotta, perle ed una spiccata fantasia e sensibilità per i colori nascono pezzi unici. Quello che li accomuna è la loro classica eleganza che contraddistingue tutto il suo lavoro, dai foulard di seta in colori sgargiantiai vestiti da lei disegnati e arricchiti con decori di seta dipinta a mano.

BIGIOTTERIA
INVENTARTE
di Maria Paola Ajello
via XXIV Maggio, 60 – 56123 Pisa
telefono 050 563329
mariapaola.ajello@alice.it

La creatività più fantasiosa e la lavorazione artigianale danno vita a gioielli che declinano le infinite possibilità edlle perle in tutte le loro sfumature cromatiche unite a pietre dure e fiori di madreperla, con tocchi di luce esaltata dai bagliori policromi dei cristalli Swarovski. Il tutto avvolto da tornanti e riccioli d’argento in un prezioso gioco di materia, luce e colore plasmando pezzi unici. Una conferma del valore che l’ornamento prezioso ha sempre avuto per la donna sin dai tempi più antichi.

BIGIOTTERIA
PHILIPPA KUNISCH
103a Tollington Way – London N7 6RE (Gran Bretagna)
telefono e fax 0044 20 72720066
philippastudios@hotmail.com

Di origine inglese, Philippa Kunisch è una “costume jewellery designer” di grande successo a Londra, che produce una vasta gamma di orecchini, collane, braccialetti e cinture. I suoi lavori oscillano tra pezzi dall’aspetto molto delicato ad altri più forti, tutti definiti da un’estrema importanza data al colore, sia esso classico o più vivace.
I suoi gioieli sono principalmente fatti con filo e perline di vetro, cristalli, pietre semi preziose, trucioli e terracotta. I pezzi di Philippa Kunisch sono realizzati con una tecnica particolarissima che lei stessa ha sviluppato negli ultimi sei anni e che è così diventata un suo vero e proprio “marchio di fabbrica”.
Philippa Kunisch dimostrerà in Mostra la lavorazione di alcuni pezzi unici e straordinari ed esporrà i suoi pezzi di design, disponibile a prendere ordini e commissioni personali.

BIGIOTTERIA
LE CREAZIONI DI ESA
di Rosa Esa Sciutto
via A. Costa, 1 – 20131 Milano
telefono 348 7081574 fax 02 295 18112

Cristalli, pietre dure, madereperla ed organza uniti da un solo filo di rame danno vita a delicati ornamenti. Così Esa crea gioielli di grande fascino, realizzati interamente a mano. L’effetto finale è una sensazione di leggerezza che dà a questi bijoux l’impressione di indossare una cascata luccicante fatta di “aria colorata”.

BRONZO
DUCCIO BANCHI
via de’ Serragli, 10r – 50124 Firenze
telefono 055 294694
banchi@email.it

Duccio Banchi impara il mestiere del bronzista da suo padre Lamberto, artigiano da lungo tempo. In questa bottega si realizzano oggetti in bronzo ed ottone su proprio modello e su richiesta del cliente. Fra questi, cornici, specchi, piccole decorazioni stilizzate, fregi, appliques, maniglie e quant’altro, sempre avendo cura della qualità.
La bottega di via de’Serragli è anche il posto giusto per il restauro di bronzi antichi.

BRONZO
IL BRONZETTO
di Simone Calcinai
via Romana, 149/151r – 50125 Firenze
telefono 055 229288 fax 055 2298041
www.ilbronzetto.com

Specializzato nel restauro di oggetti antichi, nella produzione di accessori per bagno e di pregevoli maniglie per porte, naturalmente in ottone e bronzo, Il Bronzetto è una bottega artigiana, dove nascono creazioni frutto di esperienza e di sensibilità.
Vanta la realizzazione di preziosi candelabri in stile ’700 e ’800, nonché di lampade da tavolo in cristallo abbinato a deliziosi particolari in ottone dorato. La tecnica usata è assolutamente antica, mentre il design sa adattarsi ai tempi.

CAMMEO
CRESCENZO OMBRETTI
via Felice Romano, 16 – 80059 Torre del Greco (NA)
telefono e fax 081 8810491
crescenzosimo@libero.it

La ditta “Crescenzo Ombretti” nasce a Torre del Greco, capitale del cammeo e del corallo. Crescenzo Ombretti, incisore di cammei e titolare dell’omonima ditta, con maestria e professionalità, è sempre alla continua ricerca della raffinatezza e della bellezza, espressioni queste di un puro processo artistico di altissimo livello. Ogni suo pezzo è unico: l’incisione sottile e raffinata, la delicatezza dei profili, le proporzioni dei dettagli esprimono originalità, creatività e cultura. Le sue esperienze maturate nel corso degli anni, grazie anche al contatto con società diverse – Giappone, Corea, Spagna, America – lo rendono protagonista di un perfetto e qualificato connubio tra originalità, tecnica e passione. Ogni gioiello, realizzato interamente a mano con materiali naturali, interpreta, con minuziosa attenzione e cura, il gusto, la personalità ed il desiderio di chi ne fa richiesta.

CAMPANE
MARINELLI PONTIFICIA FONDERIA DI CAMPANE
di Armando e Pasquale Marinelli
via F. D’Onofrio, 14 – 86081 Agnone (IS)
telefono e fax 0865 78235
www.campanemarinelli.com

Nel cuore dell’Italia, nel Molise, si trova un paese dove nasce la voce degli angeli: è Agnone, dove da mille anni perdura l’arte della fusione dei bronzi sacri. Sono poche le fonderie rimaste in attività e fra queste la più antica è quella dei Marinelli. Qui, dove il tocco d’arte distingue ogni campana senza cedere alla moderna tecnica omologante, si fanno campane per le chiese più prestigiose del mondo. Le campane sono fatte a mano: è la mano dell’uomo che fabbrica i “modelli”, governa il rivolo di bronzo liquefatto dalla fornace alimentata a legna fin dentro alle forme interrate nella fossa di colata. Nascono così rarissimi capolavori di un artigianato artistico che si perpetua inalterato sin dal Medioevo. Attiguo alla Fonderia sorge il Museo Storico della campana.

CANDELE
CRISTINA ANTONIA DE CHAGAS BORGES
via Bracciatica, 11 – Malmantile (FI)
telefono e fax 055 8729897 333 8345338
cristinantonia@hotmail.com

La mia passione nasce da un legame come solo madre e figlia hanno: di complicità, di amore e di scontri. Ed è proprio mia madre l’artefice del mio interessamento per le candele, perché è stata lei ad introdurmi in Brasile in quel mondo di colori e di profumi. Dopo esperienze nella moda e nel design d’interni ho ripreso in mano quella passione che mia madre mi aveva trasmesso e l’ho affinata secondo i miei gusti rendendola più contemporanea. I miei pezzi hanno l’influenza di un popolo vivace e della mia cultura. Cerco di creare un mix delle mie esperienze e di fonderle all’interno della paraffina insieme ad amore, dedizione e un pizzico di follia. Mi piace pensare che in ogni mia candela ci sia racchiusa la trama di una storia che parte dolcemente e poi si evolve infiammandosi.

CAPPELLI
HÜTE & MÜTZEN
di Caroline Felber
Moosstraße, 1 – 6003 Lucerna (Svizzera)
telefono e fax 0041 41 2105363
www.huete.ch

Un cappello non lo si deve soltanto accettare: esso rappresenta in sé affidabilità, protegge, abbellisce, dà un tocco di magia! Il pratico compagno di ogni giorno, resistente alle intempeie per chi va in bicicletta, ideale parasole, elegante per una serata a teatro o per un matrimonio, accessorio alla moda o per salvaguardare la salute: tanti motivi diversi per indossare un cappello. Da pregiati materiali naturali vengono realizzati copricapi creativi e di alta qualità Quando 25 anni fa Caroline Felber (nata nel 1965 a Basilea e residente a Lucerna) scoprì per caso il mestiere di modista, ne rimase affascinata. Questa passione la si sente ancora oggi nei suoi lavori, che uniscono la tradizionale lavorazione artigianale al design ed all’utilità.

CAPPELLI
MARCELLA BITOSSI
via Guido Guidi, 2 – 50056 Montelupo Fiorentino (FI)
telefono 0571 541423

Marcella Bitossi realizza cappelli e borse con diversi materiali (paglia, rascello, rafia, stoffa) interamente intrecciati a mano. I cappelli sono realizzati per adulti e bambini, con o senza tesa, a cuffia, alla pescatora, da cerimonia e da sole. I materiali utilizzati possono essere monocromatici o fantasia. Un’altra originale creazione sono deliziose coroncine in paglia intrecciate con fiori da portare tra i capelli.

CARTA INTAGLIATA
SHUNKAN
4-20-11 Hosoya-cho Toyota-shi Aichi-ken (Giappone)
telefono 0081 565 289520

http://homepage2.nifty.com/shunkan

KIRIE: intaglio della carta, molto diffusa in diverse parti del mondo, consiste nel creare la figura ed il disegno tagliando la carta con le forbici o un coltello. In Giappone, durante il teatro di varietà, si poteva talvolta assistere ad un gioco di abilità tra gli artisti che consisteva nel tagliare e formare la figura estemporaneamente. Le opere di Shunkan, artista approdato a questa particolare tecnica, sono particolarmente apprezzate per il loro carattere sottile, audace e per lo stimolante incontro tra gli elementi antichi e moderni. In questi ultimi anni crea i ritratti di artigiani fiorentini.

CERAMICA
ARTE CERAMICA
di Maria Cristina Sintoni
via Faentina Nord, 82/2 – 48026 Godo di Russi (RA)
telefono 0544 419451 – 328 8628404
www.faenzaraldica.com

M.Cristina Sintoni è maestro d’arte ceramica e dal 1984 realizza nel suo laboratorio le famose maioliche di Faenza secondo le più antiche tradizioni. Appassionata studiosa di araldica, è in grado di creare esclusivi manufatti di antica foggia come piatti, servizi da tavola, bassorilievi; da esterno come meridiane, moderni come gli addobbi natalizi, o preziosi come gli scrigni per gioielli stemmati realizzati in collaborazione con l’arte dell’Oro di Gianfranco Pagani di Faenza. E’ socio IAGI (Istituto Araldico Genelaogico Italiano www.iagi.info) per il quale partecipa a convegni e collabora alla rivista ed ai corsi di araldica.

CERAMICA
BORGO INCANTATO
di Gilda Dianda
via Mordini, 20/a – 51016 Montecatini Alto (PT)
telefono 0572 910527 fax 0572 770393
www.borgoincantato.it

Gilda Dianda, maestro d’arte in arti figurative, è pittrice su ceramica. Attratta dalla filosofia dei Mandala, esprime la sua ispirazione interprentando temi prevalentemente tratti dalla natura. La sue pitture astratte su ceramica non seguono disegni o motivi decorativi: i colori, compoti d’argilla ed ossi di metallo, vengono stesi direttamente su biscotto senza tracciare prima il disegno, venendo a creare oggetti ogni volta diversi. Ecco perché si parla non di decorazione ma di arte su ceramica

CERAMICA
BRIZZI61 DESIGN
di Robert Brisley
17 Downing Street, Apt. 3B – New York, New York 11014 (USA)
telefono 001 917 922 1779
www.brizzi61.com

Robert Brisley ha studiato ceramica in varie zone degli Stati Uniti dell’Est e la tecnica del mosaico bizantino a Ravenna. Attualmente lavora nel suo studio di New York City. Le tessere di ceramica in questa mostra sono state ispirate da più di venti anni di lavoro come disegnatore di tessuti. Affascinato sia dal mondo naturale che culturale, Robert ha creato pezzi che combinano immagini tratte da blocchi da stampo in argilla incisi a mano provenienti dall’India e dal Pakistan- un riflesso di qualcosa che riporta all’origine: la terra. “Le ceramiche che creo trascendono la semplice funzionalità della ceramica in favore di un linguaggio più testuale e visivo che si è evoluto con l’esperienza e l’osservazione: cultura e natura.”

CERAMICA
MARTA CANGIOLI
via della Scala, 42 – 50123 Firenze
telefono 055 2396407 – 328 6955903

Marta Cangioli ha frequentato l’Istituto d’Arte di Firenze e di Fermo ed in seguito si è perfezionata presso vari laboratori, dedicandosi specialmente alla decorazione. Cinque anni fa è stato determinante l’incontro con il maestro vasaio Romano Pampaloni, con il quale si è dedicata alla lavorazione al tornio presso la Madonnina del Grappa a Villa Guicciardini. Da un paio di anni ha avviato un suo laboratorio, con forno, situato nella stessa struttura, dove si dedica alla decorazione di pezzi anche fatti da lei. I motivi decorativi che predilige sono quelli geometrici arricchiti da alcuni ricami, ispirati a ceramiche antiche.

CERAMICA
ROMANO PAMPALONI
dell’Opera Madonnina del Grappa
“Villa Giucciardini” via di Montughi, 55 – 50139 Firenze
telefono 055 475006 fax 055 485741

Romano Pampaloni, nato all’Impruneta, ha lavorato dal 1951 nella Ditta Romagnoli dell’Impruneta, partecipando ogni anno con i suoi manufatti di maiolica a mostre in varie parti del mondo: Francoforte, Parigi, Londra, Melbourne, Tokio. Le sue ceramiche – anfore ed oggetti vari – sono servite per la realizzazione di film biblici a Cinecittà.
Dal 1991 è insegnante di tornio nel laboratorio di ceramica dell’Opera Madonnina del Grappa a Villa Guicciardini, partecipando alle mostre annuali di Villa Guicciardini, Forlì, Galeata, Brescia e nella sala di Brunelleschi dell’Ospedale degli Innocenti, in piazza Santissima Annunziata, nel 1994.

CERAMICA
STUDIO D’ARTE CERAMICA
di Luciano Landi
via Magenta, 28r – 50123 Firenze
telefono e fax 055 282762 – 335 5336696
landiluciano@interfree.it

Colaggio, decorazione e terzo fuoco, calcare, tornio, creta, miniature, decorazione a grande fuoco, terraglia, colombino, spolvero, terra refrattaria, infornare, rifinire, cristalline, smalti, modellare, ossidi, gesso, etc. sono tutti termini che significano materiali, strumenti o manualità, che riguardano il fare ceramica, che riguardano Luciano Landi di professione fa il ceramista. La maggior parte delle sue opere sono a tecnica mista. Alle prime mostre (1970) esponeva ceramica di tipo tradizionale insieme ai primi studi di un linguaggio più attuale, poi sono usciti i Pannelli, gli Antivasi, le Bambole, Tre palle 100 lire, Inquinamento poetico fino ad arrivare all’ultima storia, Andiamo. Ha insegnato decorazione su porcellana a Capodimonte (Na), decorazione a gran fuoco e cottura ceramica in un Istituto d’Arte ed Educazione Artistica nella scuola media.

CORNICI
ISOLA CHE C’È
di Silvia Logi
via de’Cioli, 82 – 50135 Settignano (FI)
telefono 347 6412479
silvia.isola70@tiscali.it

Cornici per foto, specchiere, pannelli decorativi e altri complementi d’arredo legati da un’unica intuizione, cioè utilizzare in maniera artistica materiali “poveri”, almeno nella loro forma originale: piccoli legni, germogli secchi, semi, ghiande, cortecce d’albero accostati fra loro o con altri materiali volutamente in contrasto come marmo, sassi, frammenti di mattonelle o di specchi a comporre motivi sempre nuovi. Quello che faccio è ricreare nelle decorazioni elementi naturali verosimili, frutto di un luogo dove le immagini della natura si fondono con la magia, la percezione personale, il sogno. Mi lascio guidare da fantasia e da intuizioni che nascono dall’osservazione diretta della natura o dalla scoperta di nuovi materiali con una potenzialità artistica primordiale.

CUOIO
IL BUSSETTO
di G. & C. Fanara
via Palazzuolo, 136/r – 50123 Firenze
telefono 055 290697

Dal 1979 una ditta artigiana che realizza oggettistica in cuoio naturale – concia vegetale – lavorato su forma e tinto a mano, brunito a caldo e personalizzato in oro e a secco. Produce portamonete e portabiglietti da visita per le più famose griffe italiane e straniere.

DECORAZIONE
FRANCO DEGL’INNOCENTI
viale Raffaello Sanzio, 20 – 50124 Firenze
telefono 055 229712 – 335 5614569
www.francodeglinnocenti.com

Franco Degl’Innocenti, ha sempre rivolto lo sguardo verso il grande “rinascimento” e, con senso di stima e con enorme umiltà, ha cercato di ripercorrere quella strada. È riuscito così ad assaporare il fascino di una vita in movimento, sia fisico che mentale, avendo commissioni di lavoro in varie parti del mondo. La sua pittura è classica così come lo sono i riferimenti, ma Franco interpreta a suo modo gli spazi che via via gli vengono commissionati. Nella realizzazione delle pitture, è attento alle esigenze del cliente, aiutandolo a sviluppare le sue idee, creando così decorazioni in armonia con il contesto. Nella sua bottega vengono decorati mobili, pannelli decorativi, quadri, ma è soprattutto nella realizzazione di decorazioni murali che le sue caratteristiche vengono esaltate.

DECORAZIONE
INES PADERNI ZERBONE
Via Albaro, 14/8 – 16145 Genova
010 313796 – 339 7170232
inespaderni@libero.it
Ines Paderni Zerbone produce pannelli decorativi dipinti su tela con colori acrilici, usando la tecnica della sovrapposizione del colore e mantenendo la trasparenza tipica dell’acquarello. I pannelli, inoltre, sono rifiniti con sete pure variopinte che conferiscono agli stessi un tocco di eleganza e preziosità. Le tematiche più frequenti sono quelle orientali, quali pesci e scimmie insieme a coralli, wunderkammer, vasi antichi e gabbiette. Le dimensioni vanno da 1,20 m di altezza per 0,60 m sino a 2 m per 1,20 m.

DECOUPAGE
IL DECOUPAGE
di Vittoria Verani
via Cairoli, 5 – Case Nuove – 50053 Empoli (FI)
telefono 0571 924090 – 333 3001821

Decoro da oltre vent’anni soprattutto con il decoupage, realizzando svariati stili: fiammingo, lacca veneziana, vittoriano, print room, etc…Collaboro con riviste del settore, insegno presso la mia abitazione e presso vari comuni. Decoro soprattutto oggetti e mobili di modernariato, anche di proprietà dei clienti.

DIPINTI ED ACQUERELLI
MARINELLA CAVALLI
via S. Isidoro, 8 – 50023 Impruneta (FI)
telefono 055 208300 – 333 2962594
acquerello70@hotmail.com

Conosciuta principalmente per i suoi fiori ad acquerello, Marinella Cavalli predilige attualmente la pittura “alla prima” ed “en plein air” nella superba campagna d’Impruneta nella quale vive. Caratteristiche della sua produzione sono anche le piastrelle decorate a terzo fuoco alle quali applica le tecniche della pittura ad olio.
Emiliana d’origine, ha perfezionato la tecnica dell’acquerello sotto la guida del Prof. David Gluck, membro della Royal Society of Watercolours di Londra, dove ha vissuto alcuni anni. Le sue opere sono state esposte presso il Museo di Oggettistica ferroviaria della Stazione Leopolda, alla Villa del Poggio Imperiale e in prestigiose mostre mercato (Giardini in Fiera a Villa Le Corti e Chianti Life a Villa Corsini Mezzomonte). Figura nel dizionario degli artisti reggiani di Emanuele Filin

EBANISTA
CENTROBRECCIA
via del Centro Breccia, 49 – 00050 Torre in Pietra (RM)
telefono 06 6678911 – 339 2440154
www.centrobreccia.it

È un laboratorio di design e lavorazione di pezzi unici in legni pregiati, dove Fabio Bertoli e Clara Carandini creano sculture dai colori e dalle trame che i legni stessi suggeriscono. Sculture da guardare da toccare.

FALSI D’AUTORE
ENZA DE CIUCEIS
via F. Parri, 19 – 53034 Colle di Val d’Elsa (SI)
telefono 0577 928941

Enza De Ciuceis si diploma alla scuola d’Arte di Firenze nel 1971 e nel 1973 consegue il diploma di magistero. Nel suo Atelier esegue riproduzioni d’arte dei più importanti musei: dipinti su tavola, tela, acquerello, carboncino, anche su ordinazione, ritratti, trompe l’oeil, ispirandosi alla maniera e alla tecnica degli originali. Ogni opera è abbellita da cornici rigorosamente fatte a mano e con foglia d’oro, ispirate all’epoca dell’opera riprodotta. Il tutto garantito da certificato. Le opere di Enza De Ciuceis sono state definite, da un noto antiquario di Firenze di fama internazionale, Luigi Bellini, “Un sogno inarrivabile” quale quello di poter possedere un’opera del Cranach, Dürer o Raffaello, Leonardo e altri grandi artisti. Con la stessa profondità e la stessa attenzione rivolta al particolare delle opere dei grandi autori Enza De Ciuceis riesce a creare l’atmosfera profonda dei grandi maestri del passato.

FALSI D’AUTORE
GIACOMO INNOCENTI
via Bolognese, 90 – 53033 Pistoia
telefono e fax 0573 903253
www.innocenticeccarellidipinti.com

Giacomo Innocenti propone e realizza su commissione riproduzioni di pittura antica (italiana, olandese, fiamminga). Inchiostro, guache, tempera all’uovo ed olio vengono riproposti con le tecniche dei grandi maestri del passato.

FELTRO
FAMILIARTI BT.
Regös u. 8 – 11187 Budapest (Ungheria)
telefono +36 30 6583776 fax +36 23 703091
www.bottanemez.hu

Cresciuta in mezzo alla musica folk ed all’artigianato, questa artigiana ungherese ha appreso dalla madre l’attrazione ed il rispetto verso l’artigianato: nel 1988 le ha insegnato come creare gomitoli e forme con la lana cardata, con l’aiuto di acqua e sapone. E’ così che ha compreso le possibilità infinite del feltro (materiale che trae le sue origini dalle popolazioni nomadi) per creare nuove forme ed oggetti, ed inventare decorazioni. Oggi crea cappotti, cappelli, borse, cuscini, guanti e pupazzi coloratissimi ed ha nel suo curriculum la partecipazione a prestigiose fiere ed a mostre sul costume e la cultura ungheresi.

INTAGLIO LEGNO
ROBERTO GIOVANNONI
via dell’Osservatorio, 9 – 50141 Firenze
telefono 055 454739 – 328 2904012

Laureato in economia e commercio, ex impiegato, mi considero figlio d’arte, essendo stato mio padre un modellista meccanico in legno; a questo ho abbinato la passione per l’arte e la predisposizione per la pittura e il disegno. Ricerco la bellezza e l’armonia come espressione della Grazia rivelata e mi propongo i modelli dei grandi del passato, nellosforzo di ricreare un’epoca in cui il lavoro si coniugava con l’arte. La mia bottega è a castello, sotto la Villa Petraia.

LAMPADARI
AZIMUT
di Raffaello Nebbiai
via Trieste, 105 – 50025 Montespertoli (FI)
telefono 0571 608910 – 335 636394 fax 0571 657195
lampaz@tin.it

Produzione artistica di lampadari ed installazioni creative, eseguiti interamente a mano con assemblaggio di materiali. Creazione su progetto e realizzazione di soluzioni personalizzate nel campo dell’illuminazione.

MOBILI IN MINIATURA
STEFANO CROCINI
via Villamagna, 72 – 50012 Bagno a Ripoli (FI)
telefono 055 696534 fax 055 645678

Riproduzione in miniatura di mobili della tradizione toscana usando legni asiatici e finiture in noce e tiglio. E’ un lavoro interamente fatto a mano dal progetto alla verniciatura e luceidatura finale. Ogni pezzo non è riproducibile. Sono stati esportati in tutto il mondo per la gioia di adulti, bambini e collezionisti. Apprezzati ovunque per l’elevato valore artistico, nel 1995 sono stati richiesti ed esibiti al Museo Internazionale della Miniatura di Montelimar in Francia.

MOBILI DA GIARDINO
TECTONA
via Marsala, 7 – 20121 Milano
telefono e fax 02 653423
www.tectona.net

Da 30 anni Tectona è leader nel settore mobili da giardino in teck di altissima qualità, ricavato da piante adulte, in resina intrecciata a mano e in metallo. Sedute comode, linee classiche o moderne sono eleganti sia in esterni che in casa.

OGGETTISTICA
SANDRA DORI E ANNA LOMBARDI
via De’Macci, 103/r – 50121 Firenze
telefono 348 3574726
www.arteoggetti103.com

Sandra Dori nei suoi vent’anni di viaggi come “trovarobe” per l’azienda di famiglia ha collezionato passamanerie, pizzi, piume e minuteria etnica, ricami antichi e tessuti pregiati con i quali, nel suo laboratorio di Via dei Macci, crea con abilità e fantasia originali lampade, ambrasse, nappe, portacandele e bigiotteria etnica.

Anna Lombardi ha un passato come stilista di moda. Oggi esegue i suoi lavori interamente a mano, come gli originali soprammobili in patchwork e seta o le scatole dipinte e ornate di nastri e fiori. Ogni oggetto è diverso dall’altro e tutti sono fatti con tanta fantasia e passione.

OGGETTISTICA
GALLO RODINO
di Alessandro Rodino
Località la Vigna 198 – 52010 Subbiano (AR)
telefono 335 6610363 fax 0575 489581
www.gallorodino.com

Abbiamo voluto creare una linea particolare realizzata con un materiale tradizionale come il bronzo e con le tecniche della fusione, del cesello e dello sbalzo, tipiche della cultura etrusca, aggiungendo un tocco di modernità usando materiali prettamente moderni, come il plexiglass e l’acciaio, che consentono un’affidabilità in linea con i tempi. Alcune parti degli oggetti sono create con legni pregiati per aggiungere un accento di particolare eleganza ad ogni elemento. Esteticamente si è voluto arricchire ogni pezzo con accenni naturalistici di flora e fauna.

OGGETTISTICA
LUCIA TORRIGIANI MALASPINA
via de’ Serragli, 144 – 50125 Firenze
telefono 055 221003 – fax 055 229662

Coralli, conchiglie, legnetti portati dal mare e raccolti durante lunghe passeggiate sulla spiaggia, immagini sacre e vecchi ricami tirati fuori da cassetti dimenticati vengono ricomposti con pazienza e fantasia per diventare forme geometriche, cornici, scatole e piccoli quadri.

OREFICERIA
BOTTEGA HERMES
via Mancini, 228 – 83044 Bisaccia (AV)
telefono e fax 0827 89484
giuseppina@tiscali.it

I gioielli della Bottega Hermes sono interamente realizzati a mano dalla giovane titolare, Giuseppina Spatola. Si caratterizzano per uno stile sobrio, elegante e raffinato. Mai di stampo commerciale, la loro unicità è caratterizzata dall’artigianalità della loro lavorazione e da un equilibrio delle forme mai scontato.

OREFICERIA
ALESSANDRO DARI
via San Niccolò, 115 r – 50125 Firenze
telefono a fax 055 244747
www.alessandrodari.com

Magico luogo, questa bottega museo, dove l’ancor giovane ma espertissimo maestro Alessandro Dari, formatosi nelle miglior botteghe di Siena e Firenze, trasforma oro, argento, rame e pietre preziose in gioielli che sono rigorosi pezzi unici e piccoli capolavori di scultura. In un ventaglio di stili, dagli etruschi alla modernità, rivissuti con originale talento, i gioielli del maestro Dari fondano creatività e tecnica e si propongono con rara suggestione materica e stilistica. Sorprendenti le collezioni a tema: sul motivo della cattedrale, del castello, della musica, ma anche di simboliche astrazioni quali tempo, peccato, magia, alchimia. Anche poeta e musicista, Alessandro Dari ravviva e prosegue l’altissima tradizione orafa fiorentina con un gusto che soddisfa ed incanta la più moderna sensibilità. Attualmente professore di Arti Orafe all’Università degli studi di Firenze.

OREFICERIA
IL GALEONE
di Federico Biagi
via Cecco Angiolieri, 3 – 53100 Siena
telefono 0577 47348 – 347 8858883
www.giudicigioielli.it

Il Galeone crea oggetti artistici in argento e oro in stile modeno, ottocentesco e rinascimentale. Il cuore artistico di questa azienda artigiana è il maestro d’arte Giovanna Giudici che, dopo essere stata allieva del maestro senese Passerini, ha sviluppato le proprie tecniche di lavorazione quali il traforo, la piegatura a freddo del metallo e la rifinitura manuale del pezzo. Giovanna inoltre dirige da sei anni il corso esterno di oreficeria presso l’Istituto d’Arte di Siena. La parte tecnica e gestionale è affidata a Federico Biagi che, dopo alcuni corsi di perfezionamento a Milano ed Arezzo, si è unito a Giovanna aprendo un laboratorio insieme nel cuore di Siena e partecipando a numerose mostre individuali e di artigianato in Italia e all’Estero.

OREFICERIA
LABORATORIO ORAFO
di Anna Fornari
via Deliziosa, 9 – 06123 Perugia
telefono 075 5721570
www.annafornari.com

Anna Fornari, artista orafo, si dedica da tempo al gioiello artistico realizzando ornamneti ceh partono da coscenze tecniche tradiozionali per arrivare a nuove sperimentazioni formali, esecutive e nell’uso dei materiali.

OREFICERIA
DÖRTHE LÜTKEMEYER
via Montermini, 10 – 50025 Montespertoli (FI)
telefono 0571 669546 – 338 1965194
www.schmuckdesign-it.de

Quest’anno ritorno alle mie creazioni lineari, al disegno semplice realizzato rigorosamente in argento e sempre con un lavoro strettamente manuale.

OREFICERIA
MEINI GIOIELLI FIRENZE
via Unità Italiana, 22 – 50067 Rignano sull’Arno (FI)
telefono e fax 055 8348123
www.gioielleria-meini.com

Gioielli creati artigianalmente in stile fiorentino rinascimentale, eseguiti con traforo ed incisione con bulino a mano. Pezzi unici studiati e realizzati con disegni geometrici ed ornamentali. I diamanti incastonati nei vari fiori, foglie, girali e losanghe creano, insieme alla lavorazione, giochi di luce ed ombre che ingentiliscono la leggerezza dei ricami.

OREFICERIA
PENKO – BOTTEGA ORAFA
di Paolo Penco
via F. Zannetti, 14-16/r – 50123 Firenze
telefono 055 211661 fax 055 231661
www.penkofirenze.it

Paolo e Beatrice Penko, nella loro bottega di stampo rinascimentale, situata nel centro storico di Firenze, a pochi passi dal Duomo, eseguono personalmente gioielli ed argenti realizzati con le antiche tecniche della tradizione orafa fiorentina. Il 29 gennaio 2007, il maestro Paolo Penko ha ricevuto il Premio “Bel San Giovanni 2006″ annualmente attribuito a “Personalità o Istituzioni che per l’opera svolta nei più diversi campi del pensiero e dell’azione, abbiano conseguito notorietà ed unanime apprezzamento anche per l’apporto recato all’elevazione spirituale e materiale della comunità in cui operano”.

OREFICERIA
PESTELLI
Borgo SS. Apostoli, 20r – 50123 Firenze
telefono e fax 055 2302488
www.pestelli.com

La ditta Pestelli, che propone gioielli con raffinato gusto dal 1908, arricchisce oggi con Tommaso Pestelli questa tradizione di famiglia. Grazie alle esperienze intraprese nel campo del Restauro (presso l’Opificio delle Pietre Dure) e nella Scultura (all’Accademia di Belle Arti), Tommaso crea sorprendenti oggetti d’arredamento realizzati in oro, argento, pietre dure. Opere uniche nel loro genere, ispirate al gusto ed alle atmosfere del passato, adatte per una moderna ed esclusiva Wunderkammer. Nel suggestivo atelier, con sede in Borgo SS.Apostoli, anche la clientela più esigente potrà essere soddisfatta e trovare una risposta per realizzare i propri desideri.

OREFICERIA
CAMILLA RAGGI DE’ MARINI
via Giovannino de’Grassi, 2 – 20123 Milano
telefono 338 8319682
camillaranieri@tin.it

Ha iniziato quasi per gioco, dopo una laurea in medicina, creando collane per le amiche che sfilavano in una vendita di beneficenza. Incoraggiata dal successo ottenuto e obbedendo soprattutto a questo suo antico e mai sopito amore, escono dalle sue mani collane, orecchini e gemelli, combinando la gamma infinita dei colori delle pietre dure, come diaspri, quarzi, agate e delle pietre semipreziose come ametiste e citrini.

OREFICERIA
DONATELLA RIGHI FORTUNA
Piazza Regina Margherita, 12 – 00198 Roma
telefono 347 4462252
righi.donatella@libero.it

Donatella Righi Fortuna vanta un debito culturale nei confronti delle civiltà più remote, tra classicità e tradizione etnica. Un nomadismo culturale frutto di numerosi viaggi di studio e di ricerca dei materiali: una paziente selezione di pietre dure, pietre preziose e paste vitree che, successivamente, diventano inserti “unici” per le composizioni in oro a 21 carati. Nascono così bracciali, collane, spille, anelli, che prendono corpo da sottili lamine, prima trafilate, poi sbalzate e cesellate. Le creazioni più recenti reinterpretano, nei materiali e nei canoni, i più rari gioielli etnici; è il colore delle pietre e degli inserti ad ispirare il disegno e il ritmo. Le tinte accese e gli intervalli creati da dischi e piccole coppe in oro avvolgono i gioielli di una seducente luce iridata.

OREFICERIA
SAFÏR
di Armando Blasi
via Acclavio, 18c – 74100 Taranto
telefono 347 6159765

Nel cuore del Borgo Antico di Taranto il laboratorio orafo Safïr è il punto d’incontro della tradizione orafa ellenica con il moderno linearismo. Il suo titolare, Armando Blasi, unisce all’uso dei materiali preziosi le pietre dure nel loro infinito policromismo con tagli e linee che rievocano quelle dei famosi “Ori di Taranto”. Gioielli in argento e minerali, originali e soprattutto unici nel loro stile.

OREFICERIA
EMUVÉRÉ CRÉATION
di Arielle Guez
10, Chemin de Bouenhoure
13090 Aix en provence – France
0033 673688059 – 033 4 42593630
arielg@easyconnect.fr

Arielle Guez, orafa francese della Provenza, trasferisce i colori accesi della sua terra in splendidi ed originali gioielli, impreziositi da pietre dure provenienti dall’Oriente e particolari estrosi che ne fanno pezzi unici adatti ad una clientela di ogni età.

OROLOGERIA
ANTICHI OROLOGI
di Valerio Nuti
via della Scala, 10/r – 50123 Firenze
telefono e fax 055 294594

Da circa quarant’anni Valerio Nuti ripara con cura e costruisce pezzi di antichi orologi. La sua attività è iniziata a soli quattordici anni, nelle vecchie botteghe artigiane e viene tramandata anche alla figlia Claudia. Nella sua bottega Nuti restaura e vende pendole, orologi da tasca a gran complicazione ed orologi da polso d’epoca. Nel corso della sua attività Valerio Nuti, lavorando per antiche famiglie fiorentine, ha potuto riparare orologi di rara bellezza.

PATCHWORK
TESS BLONDEL
15, Marloes Road – London W8 6LQ (Gran Bretagna)
telefono 0044 2 073706008
jean.blondel@ive.it

La tecnica della marmorizzazione dela carta è ben conosciuta da secoli, ma ricreare la stessa tecnica sulle stoffe – e nello specifico sulla seta – risulta decisamente più insolito. Le possibilità offerte da questa tecnica sono infinite, misteriose ed affascinanti, ed io spero di comunicare questo fascino attraverso le mie sciarpe.

PERLINE DI VETRO
GIOVANNA POGGI MARCHESI
via Terraglio, 248 – 31022 Preganziol (TV)
telefono 0422 330776
cmarchesi@alice.it

GRANAIO VERDE
via Adro, 37 – 25031 Capriolo (BS)
telefono 030 7460275
dalfonso.g@tin.it

Nel 2004 il Granaio Verde, negozio di antiquariato in un’azienda vitivinicola in Franciacorta, ha avviato la produzione artigianale di coprilampadine in perline di cristallo di Boemia che propone per impreziosire appliques e lampadari. I coprilampadine, che calzano come un guanto sulla lampadina, tolgono l’effetto abbagliante e moltiplicano la luce in un gioco di riflessi straordinario. L’incontro con Giovanna Poggi Marchesi, da lungo tempo artigiana del vetro e specializzata nella produzione di fiori di perle, rende ancora più caratteristici tali manufatti che fioriscono in gigli, iris ed altro, trasformando le fonti di luce in caleidoscopici fiori di vetro lavorati secondo le tradizioni tecniche veneziane.

PERLINE DI VETRO
VINCENZO SPANÒ
via dei Lorenzetti, 17 25 – 50142 Firenze
telefono 055 703394

Continua il percorso creativo di Vincenzo Spanò, che racconta se stesso e il momento storico che stiamo vivendo attraverso le sue collane un po’ matte e un po’ retrò.
Forse retaggi d’infanzia, comunque piene di poesia…

PIETRE DURE
LE PIETRE NELL’ARTE
di Renzo Scarpelli e C.
Piazza Duomo 36r – 50122 Firenze
via Aretina 160/171/173r – 50136 Firenze
telefono e fax 055 212587
www.scarpellimosaici.it

I Maestri d’Arte Scarpelli proseguono l’antica lavorazione del “commesso fiorentino” seguendo le tecniche tramandate nel tempo, di padre in figlio, fin dal Cinquecento. I capolavori artistici da loro creati, emergono dalla profonda esperienza nella selezione delle pietre e nella scelta delle tonalità cromatiche che i materiali offrono in natura. Nel laboratorio si creano pezzi unici di ogni dimensione, dalle spille ai portagioie, ai quadri e tavoli intarsiati; nel negozio si può ammirare tutta la produzione ed avere chiarimenti sulle tecniche di lavorazione, data la grande passione per l’arte del mosaico quale tradizione familiare. Le opere di Renzo e Leonardo Scarpelli possono essere ammirate in tutto il mondo perché i loro nomi firmano da anni centinaia di opere d’arte.

PIUME
N. MAZZANTI
di Maurizio Mazzanti
via R. Giuliani, 144 int. – 50141 Firenze
telefono 055 431752 – fax 055 4223463
www.mazzantipiume.it

Ditta artigianale per la produzione di fiori artificiali e fantasie in piuma con tintoria in sede. Specializzata nella relizzazione di progetti per l’alta moda, con metodologie mantenute nel corso di decenni ed ormai desuete, tramandate dalle esperienze dei vecchi maestri in ogni campo creativo del nostro settore. Frange, boa in struzzo e marabout, allestimenti per scenografie, teatro, televisione, opera, bande musicali, costumi d’epoca e carnevaleschi, majorettes, addobbi per vetrine, magia, accessori per abbigliamento.

PORCELLANA
FIORI E COLORI
Piazza Peruzzi, 2 – 50122 Firenze
telefono 055 287021 fax 055 5002240
sandra7s@libero.it

Legate dalla comune passione per la pittura a mano su porcellana, Tiziana Iacobino, Marie Silvietti e Sandra Sturniolo svolgono la loro attività artigianale utilizzando le tecniche della Manifattura di Doccia. Dal 1995 propongono decori ispirati ai temi classici della tradizione europea, reinterpretati secondo le loro personali inclinazioni artistiche.

PORCELLANA
GIUSEPPA MARIA TREGUA
Piazza San Nicolella, 6/a – 95124 Catania
telefono 095 322449 – 340 3852363
mail@treguajewels.com

E’ un piccolo atelier nascosto dove si producono oggetti interamente dipinti a mano secondo le tecniche deglia ntichi artigiani. Nasce dall’intenso amore per questo lavoro e coniuga lo studio degli stili delle manifatture europee con il tentativo di innovare ed offrire un prodotto utile ma di fascino. Si lavora su ordinazione e si eseguono servizi da tavola, tè, caffè, complementi d’arredo, vasellame, tazzine da collezione, bomboniere personalizzate.

PROFUMI ED ESSENZE
OFFICINA PROFUMO FARMACEUTICA DI SANTA MARIA NOVELLA
via della Scala, 16 – 50123 Firenze
telefono 055 216276 – 055 4368315 fax 055 4222432
www.smnovella.it

Nasce nel 1221 per opera dei frati domenicani e dal 1612, anno della sua apertura al pubblico, assume il nome di Officina Profumo Farmaceutica di Santa Maria Novella, ricevendo dal Granduca di Toscana la nomina di Fonderia di Sua Altezza reale.
Senza mai interrompere la sua attività di preparazione e vendita di profumi, saponi, cosmetici e liquori è arrivata ai giorni nostri, continuando ad usare materie prime della più alta qualità e seguendo ancora i procedimenti artigianali appartenuti ai Padri fondatori .
Oggi proiettata nel futuro, l’ Officina di Santa Maria Novella, commercializza i suoi prodotti non solo a Firenze, ma anche in molte città europee, in America ed in Giappone.

PROFUMI ED ESSENZE
LORENZO VILLORESI
via de’Bardi, 14 – 50125 Firenze
telefono 055 2341187 fax 055 245893
www.lorenzovilloresi.it

Profumiere-creatore dell’anno, vincitore del Prix François Coty nel Novembre 2006, Lorenzo Villoresi opera dal 1990 a Firenze, capitale dell’antica arte della profumeria fin dal tempo dei Medici. Inedite creazioni olfattive nelle cui formule si combinano suggestioni d’Oriente e aromi di Toscana, spezie, oli essenziali ed estratti ricercati: come in Alamut, sontuosa fragranza orientale, piramide di note sensuali, con fiori preziosi e rari legni esotici. Le collezioni Profumeria e Casa sono presenti in Italia e nel mondo: in esse l’arte dei profumi si incontra con la sapienza artigiana di ogni dettaglio e degli eleganti accessori.

RAME
VINCENZO TIRONI
via IV Novembre, 14 – 38034 Cembra (TN)
telefono 0461 990639 – 338 5962530
vincenzo.tironi@tin.it

Lavorazione del rame dal 1846.
Si producono pentole in rame per cucina, per formaggio per vinificazione, per distillazione ed altro ancora.

RESTAURO E DORATURA
GIULIANA CASSETTI
via S. Cecilia, 28 – 56127 Pisa
telefono 050 598032 – 333 8657833
giulianacassetti@yahoo.it

L’arte della doratura e della laccatura è molto antica e si tramandano nel tempo le metodologie tradizionali della ‘doratura a guazzo’ e della ‘argentatura a mecca’ nei manufatti lignei.
Il restauro di questi preziosi oggetti è molto delicato e richiede sapiente manualità e precise conoscenze delle tecniche abbinate alla sensibilità che permettono di mantenere e salvaguardare nel tempo l’originalità del manufatto.
Bisturi, pietre d’agata, spatole, foglia d’oro zecchino, argento, bolo, vernici e pennelli sono i secolari strumenti e materiali grazie ai quali un oggetto antico torna alla sua originale bellezza.
Nel laboratorio tornano a risplendere statue policrome, candelieri, specchiere, appliques, siano essi proprietà privata che di Enti pubblici.

RICAMO
ARTE RICAMI MACCHI
di Nazarena Bstioni
via San Paolo, 42 – 56125 Pisa
telefono 360 596236

La ditta da più di vent’anni esegue lavori artigianali, rispettando le antiche tradizioni. Nell’anno 2002 Premio speciale della C. C. I. A. A. di Pisa per artigianato artistico e tradizionale.
Docente nei corsi di ricamo promossi dalle province di Prato, Firenze e Pisa.

RICAMO
SANDRA BILANCERI
via Gherardo Starnina, 74 – 50143 Firenze
telefono 055 702526 – 335 6468731

La mia è una piccola bottega artigiana cresciuta con l’amore per questo lavoro, la testardaggine di far sopravvivere antiche arti e mestieri della tradizione fiorentina.
Nel mio laboratorio produco biancheria per la casa, unendo alla qualità degli oggetti la raffinatezza dei disegni, dei ricami, dei tessuti (lino, cotone, spugna) e dei colori, con la fantasia che da sempre mi contraddistingue. Fra la biancheria, gli accessori per bambini hanno un ‘importanza particolare e sono molto amati ed apprezzati dalla mia clientela.

RICAMO
IL CIGNO
di Emiliana e Marcella Bigazzi
Piazza Gualfredotto, 24r – 50126 Firenze
telefono 055 680323

Da tre generazioni le sorelle Emiliana e Marcella Bigazzi realizzano corredini da neonato ed abitini da 0 a 10 anni. La loro nonna ha ricamato e confezionato la culla di Maria Pia di Savoia insegnando alle nipoti l’arte del ricamo a telaio ed a mano.

RICAMO
IRMA SCUDELLARI MELANDRI
Artigianato Artistico Bizantino Scuola di Russi
via G. Carducci, 11 – 48026 Russi (Ra)
telefono 0544 580869
scudellari@ricamobizantino.it

Il ricamo bizantino è un ricamo antichissimo, arrivato a Ravenna nel V/VI sec. d.C., importato dai Bizantini quando questa città era capitale dell’Impero d’Occidente. L’arte di questo ricamo si impose subito per la finezza dei disegni e dei colori. Nel corso dei secoli questi preziosi ricami furono applicati esclusivamente agli arredi sacri e quasi dimenticati. Solo nel 1989, grazie a Irma Scudellari Melandri (che ne cura i disegni) il tentativo è stato coronato da grande successo. Infatti, per i colori ed i disegni, che vengono ripresi da mosaici, avori, marmi che ornano i monumenti e le basiliche bizantine, si realizzano articoli adatti a tutti gli stili.

RITRATTI
CRISTINA BORGOGNA DI CAPRIASCO
via Petrarca, 17 – 10024 Moncalieri (TO)
telefono 011 642520 – 339 6543553
cristinaborgogna@yahoo.it

Ritratti e vetri dipinti a mano
Il ritratto, un mondo in apparenza semplice, ma in realtà esercizio d’estrema difficoltà tecnica e sfida espressiva per qualunque pittore intende definirsi tale. Una realtà apparentemente fotografica che delinea forme, colori e caratteri con sapiente tratto, ma che in realtà, nella propria perfezione stilistica, offre nuove prospettive di visione. Pare quasi che Cristina Borgogna abbia inteso inventare una sorta di classicismo d’impronta britannica, permeato da un vivace modernismo e da un tratto felice e preciso, che rende del tutto personali e particolari le sue opere. Quest’anno presenterà anche la sua nuova collezione di oggetti in vetro da lei dipinti a mano con una tecnica innovativa.

RITRATTI
SILVIA CHELI
via S. Carlo, 1 – 50124 Firenze
telefono 055 2309054
cheli.ritratti@libero.it

Illustratrice e grafica, sempre più Silvia si specializza nell’arte del ritratto: su carta, a pastello e sanguigna, ad acrilico e olio su tela.
Oltre alla tecnica precisa, fondamentale per ritrarre la somiglianza col vero, sorprende per la capacità di cogliere sempre le particolarità dei soggetti, che rendono unici tutti i suoi lavori.
I volti sono interpretati sempre con colori ricchi e pastosi, rischiarati o scuriti da accostamenti talvolta insoliti, vibranti nel segno inconfondibile della pittrice.

SARTORIA
CRISTINA CIOCCHETTI
via Cubani, 3 – 00197 Roma
telefono 339 8825580

Gonne in cerca di donne: questa è la frase che appare sul biglietto di Cristina Ciocchetti. Guardando le sue gonne, infatti, si è colti da un contemporaneo senso di stupore e confusione. Stupore per la mescolanza di stoffe pregiate e povere che si saldano lungo linee sbieche, per colori che si fondono in soluzioni armoniose. E’ infatti sempre possibile copiare degli oggetti, ma è di fatto impossibile copiare delle sensazioni. Le gonne realizzate non sono altro che la messa su stoffa delle personalissime sensazioni di una persona, che diventano oggetti finiti e di senso compiuto.

SARTORIA
L’AGUGLIA
di Silvia Garancini e Marta Andreotti
via della Mattonaia, 18 – 50121 Firenze
telefono 349 6390939 – 347 2928543
silgaran@gmail.com

Creazioni artigianali in tessuto destinate al mondo dell’infanzia.
Si cuciono vestitini (3 mesi – 6 anni) in lino, cotone e velluto dai colori e dagli accostamenti originali; si rendono particolari con un ricamo fatto a mano, una gala con tessuto vintage, un bottone di recupero. Si realizzano arredi/gioco a forma di animali, alcuni cavalcabili come sedute e altri sonori come cariliion. Ogni creazione è un pezzo unico.
L’atelier è visitabile su appuntamento.

SARTORIA
MAGHI E MACI
di Margherita De Luca e Maria Serena d’Ayala Valva
via Leonardo da Vinci, 8/a – 50132 Firenze
telefono 055 588160

L’estro e la vivacità di Napoli “Maghi”, la classica eleganza di Firenze “Maci”, si fondono con la sensibilità ed il gusto di due giovani madri imprenditrici che creano abbigliamento per bambini da 0 a 6 anni. Varietà di modelli, proposte e colori caratterizzano la loro produzione.
Il loro laboratorio è aperto il lunedì ed il giovedì mattina o su appuntamento.

SCAGLIOLA
LA SCAGLIOLA
di Fabiola Lunghetti
via San Michele a Monteripaldi, 24 – 50125 Firenze
piazza Pitti, 14r – 50125 Firenze
telefono e fax 055 211523

La scagliola è il nome attribuito ad uno stucco durissimo, composto da “selenite” o “pietra di luna”, colla animale e pigmenti naturali, con il quale si realizzavano, seguendo l’antica tecnica dell’intarsio marmoreo, vari manufatti. Questa particolare tecnica artistica fiorì nel 1600 in Toscana, in sostituzione del costoso “commesso in pietre dure”, nato a Firenze sotto l’auspicio della famiglia dei Medici. Gli oggetti creati da Fabiola Lunghetti sono pezzi unici, lavorati interamente a mano secondo la tecnica originale dell’antica scagliola.

SCARPE SU MISURA
SASKIA
di Vivian Saskia Wittmer
via di Santa Lucia, 24/r – 50123 Firenze
telefono e fax 055 293291 – saskia.wittmer@inwind.it

Le scarpe sia maschili che femminili interamente fatte a mano, lavorate secondo il metodo goodyear e norvegese, sono fatte su misura per il cliente che può suggerire i modelli, nella forma, nei colori e nei materiali desiderati.

SCULTURA
CASTELLINARIA
di Michele Fabbricatore
via Pacini, 40 – 51100 Pistoia
telefono 347 1895471
www.michelefabbricatore.it

Michele Fabbricatore si è diplomato in scultura all’Accdemia di Belle Arti di Firenze. Ha fatto varie mostre in Italia e all’estero e due anni fa ha creato una ditta di artigianato artistico in cui prendono vita ceramiche e sculture le cui caratteristiche principali sono l’originalità e l’amore per il particolare. Nel suo lavoro si trovano contaminazioni di varie culture, da bisanzio ai pre-rinascimentali fiorentini e senesi, da romanico ai sumeri. Michele Fabbricatore cerca di esprimere attraverso le sue sculture il senso del poetico, un mondo fantastico e surreale che ci permetta ogni tanto di staccare dal reale per trovare rifugio nel sogno.

SCULTURA
…E POI LEGNO
di Andrea Mercedes Melocco
Viale Manfredo Fanti, 227 – 50137 Firenze
telefono 055 669433 – 347 1023946
www.andreamelocco.it

… prima trent’anni di grafica poi con il legno è cominciato l’oggi di AMMelocco.
Legni di mare – Legni piccoli e grandi lasciati sulle spiagge dall’inverno incontrano l’oro ed altri racconti e diventano spille e gioielli d’arredo
Totem – Totem di legno solcati, a volte contaminati dal metallo
Les états de l’esprit – Momenti e sentimenti che sono dentro ognuno di noi, fissati su sagome a grandezza naturale
Divertissements – Negli intervalli, piccoli oggetti di uso comune
… e, dopo il legno, il ferro, la pietra…

SCULTURA
SUSAN LEYLAND
via Brunelleschi, 2 – 50029 Impruneta (FI)
telefono 055 2022995
www.equinesculptures.com

Equine sculptures – il cavallo scolpito.
Le opere sono modellate a mano in vari tipi di argilla. Ciascuna un pezzo unico che rappresenta il cavallo nei molti aspetti della sua natura, forma e movimento.

TARTARUGA
CHRISTIAN BONNET
60, rue Lepeletier de St Fargeau – 89100 Sens (Francia)
telefono 0033 1 40594514 fax 00++ 1 40594341
8, rue Tiphaine – 75015 Parigi (Francia)
telefono 0033 3 86952270 fax 0033 3 86654088
www.maisonbonnet.com

Da più di quattro generazioni la Maison Bonnet realizza pezzi in tartaruga a mano e secondo tecniche antiche con il più grande rispetto per il ciclo naturale delle tartarughe di mare. Dagli anni 30 si è specializzata nella fabbricazione di montature d’occhiali e nella lavorazione della tartaruga. La Maison Bonnet fabbrica e realizza i propri prodotti su ordinazione, su modelli o foto; tuttavia la sua abilità si manifesta nella sue creazioni dallo stile puro e sobrio. La sua clientela è composta per la maggior parte da grandi aziende, artisti, designers, architetti d’interni, boutique di lusso. Nel 2000 è stato nominato “Maitre d’Art”.

TESSUTI STAMPATI
ROSSANA BERNACCHI
via Andrea del Castagno, 39 – 50132 Firenze
telefono 347 9337635
rossbern@gmail.com

Da sempre nel mondo tessile, dopo un’esperienza ventennale tra filati, pezze, telai e stamperie, l’amore per questo mondo è approdato per me alla realizzazione di una piccola collezione fatta di pezzi unici e serie limitate di sciarpe, stole, borse, kimoni, kaftani e maglieria, oggetti inusuali per gli accostamenti e la stampa a mano dei tessuti. I motivi ispirati a ricordi di viaggio, a quadri rinascimentali, sono stampati a mano su seta, cashmere, lino e canapa, e danno vita a pezzi eseguiti singolarmente che partono dal disegno su carta, per arrivare alla realizzazione della matrice e della stampa. A queste creazioni si sono affiancate proposte per la casa (tende, cuscini, tovaglie) eseguiti su richiesta del cliente.

TESSUTI
BORGO DELLE TOVAGLIE
di Daniela e Valentina Muggia
via delle Tovaglie, 5 – 40124 Bologna
telefono 051 585012
www.borgodelletovaglie.it

A Bologna, nella cinquecentesca Via delle Tovaglie, un tempo Via dei Tessitori, ha sede oggi il Borgo delle Tovaglie. Puri lini, toiles de Jouy, freschi cotoni ma anche ricchi broccati e madras di seta sono i tessuti utilizzati dal Borgo delle Tovaglie per la produzione delle sue incredibili tovaglie antimacchia che si puliscono solo con la spugna. Prodotti bellissimi, dunque, e al passo con i tempi, ma realizzati con la cura della tradizione antica. Se ciò non bastasse, punta di forza di questa ‘sartoria per tovaglie’ è il su misura. La scelta del cliente comprende non solo le misure ma anche le combinazioni dei tessuti e delle finiture. Da oggi anche on line.

TESSUTI
CHIANTI CASHMERE COMPANY
di Nora Desmond Kravis
Azienda Agricola La Penisola – 53017 Radda in Chianti (SI)
telefono e fax 0577 738080 – 339 4428274
www.chianticashmere.com

Unico allevamento di Capre da Cashmere in Italia, dove le capre vivono liberi a pascolo sulle colline del Chianti. La loro fibra è raccolta a mano per creare dei pezzi unici a telaio a mano – Plaids, Scialli, Sciarpe, Copertine da Neonato – in Cashmere puro ed altre fibre nobili, quali seta, lino, cotone e merinos in colori naturali, non tinti. Soffici, eleganti, fatti rigorosamente a mano su vecchi telai di legno per durare una vita. Il prezioso latte – ricco in acidi grassi naturali, proteini e lipidi, viene munto a mano e trasformato in ottimi prodotti per la cura della pelle – saponi, creme e lozioni, buoni quanto sono belli – senza profumi o coloranti, per una pelle idratata, morbida e vellutata. Si vendono capre da riproduzione, articoli a telaio in Cashmere, e tutta la linea di prodotti per la pelle sia in Azienda sia on-line; visite in azienda per appuntamento. Dal 2005 disponibile “show-goat”: per compleanni, eventi, fiere, sfilate ecc. – capretti con calesse, paniere e sellette a noleggio.

TESSUTI
FILANDA SILIO GIANNINI
via Acace,2- 51024 Cutigliano ( PT)
telefono 0573 68138 / 68480
giovagiannini@interfree.it

n una cornice dal sapore medievale, in quella che un tempo era la casa di famiglia, Silio Giannini si dedica all’arte della filatura appresa dal padre e per la sua personale vocazione, all’arte della tessitura. Il suo maggiore impegno si nota nella lavorazione della lana massese e di quella di Zeri, ma non trascurabile è il suo contributo all’alpaca ed al mohair. Il prodotto è contrassegnato da qualità e da creatività figurativa.

OLD FASHION SARTORIA
di Irma Laurence Schwegler
via Gran Bretagna, 63 – 50126 Firenze
telefono e fax 055 689479
schwegler@tiscali.it

Tessuti naturali dalla tradizione: lana cotta, casentino, orbace, loden, tweed per l’inverno; lino, cotone percalle, seta, juta per l’estate. Il piacere di un vestito modellato su misura, con abilità artigiana ed ingredienti elegantemente country. Grazie alla maestria artigianale di Irma Schwegler, la sartoria diventa un piacere raro perché fatto di conversazioni e di consigli che aiutano a vivere piacevolmente qualche ora dedicata a se stessi.

TESSUTI
FONDAZIONE ONLUS “LE COSTANTINE”
via Costantine – 73020 Casamassella (LE)
telefono e fax 0836 812110
www.lecostantine.it

La tessitura artigianale di Casamassella e di Uggiano la Chiesa è strettamente legata al nome di Donna Giulia Starace e Donna Lucia Starace, che hanno saputo elevarla da tecnica semplice, destinata alla produzione di rustiche tele per il fabbisogno quotidiano della famiglia contadina, a tecnica raffinata adatta alla produzione di ogni tipo di manufatti preziosi ed esclusivi, realizzati in materiali e colori naturali e destinati a trovare apprezzamento anche in Inghilterra, Stati Uniti e Sud Africa. La tradizione, tramandata oralmente, si è mantenuta in tutta la sua ricchezza, e oggi nuove applicazioni e tecniche esclusive, nate dalla perizia e sensibilità delle tessitrici locali, si sono aggiunte alle più antiche e tradizionali a fiocco (grani) e a pintu (tessuto operato).

TESSUTI
SAMARCANDA CREATIONS
di Ilaria Gazzoni
Strada Maggiore, 46 – 40125 Bologna
telefono 335 7176407
ilaria@gazzoni.com

Ilaria Gazzoni e Francesca Forcellini stampano a mano tessuti per arredi, tovaglie, tende, cuscini con disegni esclusivi, fatti sul gusto personale del cliente. Yuta, lino, cotone in vari colori e misure personalizzati per arredare in modo originale le case di città, di mare, montagna e campagna con colori e accostamenti particolari che rendono l’ambiente speciale e caloroso.

TESSUTI
STUDIO ARTISTICO
di Mara Guerrini
via Aspertini, 8/c – 40139 Bologna
telefono 051 6240304 fax 051 452580
www.maraguerrini.com

Lo Studio Artistico Mara Guarrini ha iniziato la sua attività all’inizio del 1990, promovendo ed organizzando attività didattiche nel campo della ceramica e della pittura. Senza trascurare l’attività professionale specifica della ceramista e pittrice, producendo e presentando le proprie opere in rassegne e mostre personali, la pittura è stata il punto di partenza di Mara Guerrini che dopo aver frequentato l’Istituto d’Arte ed essersi diplomata all’Accademia di Belle Arti di Bologna, ha maturato la sua esperienza, ormai trentennale, nel campo della pittura e ceramica. Questa rassegna a Paslazzo Corsini sul Prato è un’occasione di conoscere un aspetto poco noto della sua produzione artistica: la pittura su seta con la quale intende realizzare maufatti di vario genere, che vanno dall’accessorio al complemento d’arredo.

TROTTOLE
MAUBY & WOOD
di Mauro Sarti
via Tega, 4 – 40128 Bologna
telefono 051 320919
www.maubywood.eu

Tutto è nato per caso e dall’amore per il legno. Ci vuole un secondo di attenzione per osservare una trottola eppure molto più tempo per raccoglierne tutte le sensazioni. Lei è aria, che ruba per farne vento, è terra che sfiora per arrivare al cielo, è vortice di movimenti e linearità, è magia che libera in ogni suo delicato movimento, è mistero di equilibrio, energia e silenzio. Con i miei occhiali anti scheggia e maschera anti polvere lavoro per trasformare il legno, per dargli anima che si trasformerà in vita con il tocco di due dita. Vorrei far provare la sensazione di dare vita ad un oggetto che senza noi starebbe fermo, sempre, e che grazie a noi invece può vivere.

VETRO
MOLERIA LOCCHI
via D. Burchiello, 10 – 50124 Firenze
telefono 055 2298371 – 055 229416
www.locchi.com

Questa bottega artigiana esiste a Firenze fin dall’800 e, forse unica nel suo genere, vi si può copiare o restaurare qualsiasi oggetto in vetro o in cristallo molato. Nel vecchio laboratorio Locchi si possono rifare le ampolle per le oliere antiche (molate come quelle originali), il più sfaccettato dei tappi, l’interno di una preziosa saliera d’argento, la coppetta o il trionfo di un centro tavola. Riparazione, ricostruzione, sostituzione ex novo di oggetti: tutto questo è possibile utilizzando antichi vetri oppure attraverso la soffiatura a bocca di nuovo materiale che verrà poi molato, fresato, inciso secondo lo stile del campione rotto o della montatura antica dove il pezzo deve essere inserito.

VETRO
VELELIA LABORATORIO D’ARTE
via Vittorio Locchi, 5 – 00197 Roma
telefono e fax 06 8101924 – 339 5018637

Fusione del vetro
“L’unica vera sorgente dell’arte è il nostro cuore. Chiudi l’occhio del tuo corpo per poter vedere l’opera prima con l’occhio dello spirito. Il bello è il tratto animato dalla vita, quando raggiunge il sublime del naturale. È importante suggerire senza mai mostrare troppo. L’ineffabile, nella pittura, nasce da questo segreto: la suggestione.”
Velelia conosce tutti i segreti della fusione del vetro decorato a mano con oro, argento, smalti e vetri colorati fusi a 850°C.
Esegue lavori personalizzati per arredamenti, bomboniere ed originalissimi gioielli.
VIMINI E PAGLIA
LA NUOVA CESTERIA DI CRISTINA
di Cristina Galletti
via C. Bianchi, 16 – 50134 Firenze
telefono 055 481333 – 339 5466412

Cristina Galletti realizza oggetti in cesteria ed a questi abbina l’uso di fiori secchi e pressati creano vassoi, quadri, paesaggi di foglie, composizioni di ogni tipo, oggetti di arredamento. Ha partecipato con successo a numerose manifestazioni non solo in Toscana cercando confronti ed arricchimenti.
Lavora in ambito scolastico inserendo la manualità e la creatività in un percorso professionale più generale di formazione alla salute e al benessere.

VIMINI E PAGLIA
GIOTTO SCARAMELLI
Viuzzo Tirozzi, 4 – 50018 Scandicci (FI)
telefono 055 740077

Come già suo padre, Giotto Scaramelli intreccia cesti, rispettando con passione le tecniche tradizionali e servendosi di materiale raccolto da lui stesso: salice, olivo, olmo, ligustro, corniolo, acero e frassino. Oltre ad una prosuzione classica, Giotto Scaramelli ama cimentarsi in esperimenti manuali innovativi e sempre diversi. Unisce alle sue creazioni un’attività didattica: tiene, infatti, corsi di intreccio durante tutto l’anno, ospitando anche, a tal fine, gruppi di persone presso il podere Beccacivette a Scandicci.

 

  • Facebook