Artigianato e Palazzo | Raccolta fondi “Giambologna e la Fata Morgana”
La Mostra ARTIGIANATO E PALAZZO botteghe artigiane e loro committenze è nata nel 1995, da un’idea di Neri Torrigiani e promossa dalla principessa Giorgiana Corsini, principalmente per rivalutare e rinquadrare ai giorni nostri la figura dell’artigiano e del suo lavoro, considerandolo alta espressione di qualità e di tecnica, legato sì alla committenza, ma insistendo sull’idea di un artigianato per sua natura “moderno”, senza con questo dimenticare l’elemento fondamentale della tradizione.
Artigianato e Palazzo, artigianato, Firenze, botteghe artigiane, Neri Torrigiani, Giorgiana, Corsini, Giardino Corsini, Palazzo Corsini, artigiano, lavoro, mostra, tradizione, bigiotteria, oreficeria, moda, tessuti, alta gastronomia, design, accessori, gioielli
21186
page-template-default,page,page-id-21186,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-17.0,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive

Raccolta fondi “Giambologna e la Fata Morgana”

“ARTIGIANATO E PALAZZO:
GIAMBOLOGNA E LA FATA MORGANA”

LA NUOVA INIZIATIVA A SOSTEGNO DELLA CULTURA

In occasione della XXVI edizione di ARTIGIANATO E PALAZZO prende vita GIAMBOLOGNA E LA FATA MORGANA, la nuova campagna di raccolta fondi a favore del patrimonio culturale, rivolta a privati ed aziende.

 

La campagna 2020 sarà volta al recupero e alla conservazione di una straordinaria opera d’arte in un contesto architettonico unico, nonché a promuovere la grande tradizione artigiana fiorentina ed i suoi nuovi protagonisti di talento: una operazione in bilico tra alta tecnologia e artigianato.

 

Giambologna, Fata Morgana, 1572, Collezione privata. Foto Arrigo Coppitz

 

Nella ricerca di luoghi di alto valore culturale nascosti o dimenticati, da salvaguardare e traghettare nel futuro secondo il principio guida della nostra manifestazione, abbiamo individuato per la campagna 2020 un curioso complesso cinquecentesco, esempio particolarissimo di architettura da giardino, a metà tra la tipologia del ninfeo e quella del grotto, che al suo interno custodiva la statua marmorea della Fata Morgana scolpita da un giovanissimo Giambologna”, spiegano gli ideatori del progetto Giorgiana Corsini e Neri Torrigiani.

 

Foto di Clara Vannucci

 

L’obiettivo è  riprodurre artigianalmente con tecnologie modernissime la statua da ricollocare nel luogo per cui è stata pensata e successivamente restaurare l’intero complesso della “Fonte della Fata Morgana” – conosciuta dai locali anche come “Casina delle Fate” – fatto costruire da Bernardo Vecchietti nella seconda metà del Cinquecento all’interno del parco della villa Il Riposo, sua residenza estiva immersa nel Chianti ai piedi del colle di Fattucchia, nell’attuale comune di Bagno a Ripoli.

 

L’edificio si distingue per l’intonaco esterno a finti mattoni rosa, che contrasta con la bianca pietra alberese “bugnata” posta a ornamento di porte e finestre così da creare un’atmosfera fiabesca e suggestiva. Il pavimento interno è costituito da un mosaico di piccoli sassolini bianchi e neri che, sulla soglia, compongono la scritta “Fata Morgana”.

 

Foto di Clara Vannucci

LA FONTE DELLA FATA MORGANA 

 

Già da ora è possibile contribuire alla raccolta fondi:Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

I VECCHIETTI E LA VILLA IL RIPOSO

I Vecchietti – ricordati anche da Dante Alighieri (Paradiso XV, 115-117) – furono una delle più antiche ed importanti famiglie fiorentine nel medioevo. Inurbati almeno dal XII secolo, erano di parte guelfa e furono sconfitti a Montaperti.
Nel 1578 Bernardo Vecchietti (1514-1590) – collezionista e mecenate vicino alla corte medicea nonché proprietario dell’omonimo grande palazzo nel centro di Firenze – fu il primo protettore a Firenze di Giambologna (Douai 1529 – Firenze 1608), allora giovane scultore fiammingo poco conosciuto che ospitò e introdusse alla corte di Francesco I: una lapide sul palazzo ricorda il mecenatismo della famiglia ed il sostegno all’artista che divenne, nella seconda metà del secolo, il più importante scultore attivo a Firenze.
A lui, ancora agli esordi, Bernardo Vecchietti affida il progetto della “Fonte della Fata Morgana” e dei relativi apparati decorativi. L’artista scolpì la statua marmorea della “Fata Morgana”, collocata all’interno della fonte intorno al 1572. L’opera fu poi venduta nel 1768 ad un antiquario inglese dall’allora direttore degli Uffizi perché ritenuta di poco pregio; portata oltre Manica nel 1775 è oggi parte di una collezione privata inglese.
Sempre Bernardo Vecchietti affidò poi al Giambologna nel 1578 l’ammodernamento del proprio palazzo, nell’omonima via di Firenze, per il quale l’artista realizzò in bronzo il Satiro porta-bandiera, noto come “Diavolino”, oggi conservato nel terrazzo di Saturno in Palazzo Vecchio.

La villa “Il Riposo” fu edificata nella seconda metà del Cinquecento nel luogo dove già nel 1427 esisteva una “casa da signore”; realizzandola Bernardo Vecchietti intervenne anche sulla campagna circostante – forse ispirandosi ai parchi delle ville medicee come quella di Pratolino – distribuendovi manufatti dedicati al culto, alla caccia o allo svago.

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

IL PICCOLO COMPLESSO MONUMENTALE

Tra questi spicca il complesso monumentale la “Fonte della Fata Morgana” dove, tra fonti di acqua zampillanti il Vecchietti e i suoi ospiti si riparavano dal caldo nelle giornate più torride, discorrendo amabilmente e compiacendosi delle bellezze del luogo e delle opere che le adornavano.
Gli storici dell’arte che hanno maggiormente studiato il periodo ritengono che il Giambologna abbia contribuito alla progettazione del “Riposo” e della Fonte che fu costruita tra il 1573 e 1574 su una sorgente che si trovava nelle proprietà che circondavano la villa che già Raffaello Borghini descrive nel suo libro del 1584 intitolato Il Riposo.

L’edificio si sviluppa a “L” su un’area di dimensioni limitate, costruito come una quinta teatrale con due prospetti contigui. L’ingresso e le finestre sono rifinite in pietra alberese e pietra serena; gli architravi hanno i timpani a conci sbozzati a rustico, simili a clave – o a code di ermellino, a ricordare lo stemma dei Vecchietti, secondo alcuni – che danno alla facciata un movimento ascensionale. A terra, invece, il pavimento è formato da un mosaico i cui sassolini formano la scritta “Fata Morgana”. Sulla sinistra si trova un tabernacolo cinquecentesco in pietra serena che conteneva l’affresco di Santi di Tito “Gesù e la samaritana al pozzo” andato disperso.

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Foto di Clara Vannucci

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

LA FONTANA

All’interno vi è una fontana costituita da una conca in pietra serena, sostenuta da un basamento grezzo la cui forma zoomorfa ricorda la coda di una sirena. L’acqua che tracima dal catino in pietra, cade a cascata nella vasca esagonale sottostante, al cui centro si trova il basamento in mattoni che sosteneva la statua della Fata Morgana (cm. 99 x 45 x 68): “una bellissima donzella ignuda di marmo fatta da Giambologna in atto d’uscir d’un antro, et una mano si pone al delicato petto, e l’altra sostiene una conca marina da cui innalzandosi ricade nel vaso l’acqua, che ariento vivo sembra”.

Ai lati della fontana, due portali simmetrici completano la scenografia. Da quello di sinistra si accede, tramite una piccola scala, al livello superiore dove esistono dei piccoli ambienti, uno dei quali era destinato a cucina.
Tutto l’insieme sembra creato per stupire lo spettatore con un senso magico e fantastico espresso dagli elementi decorativi e architettonici della fonte e accresciuto dal fascino della campagna circostante, che avvolge il Ninfeo in una atmosfera quasi irreale.

È una storia intrigante quella della “Fonte della Fata Morgana”: la sua acqua, infatti, grazie anche alla fama di Morgana, seducente maga guaritrice, sembra avere virtù ringiovanenti e proprietà miracolose; altri invece raccontano di aver visto qui strane presenze di giovani e bellissime donne, ninfe e fate che scomparivano così misteriosamente come erano apparse.

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Foto di Clara Vannucci

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

LA STATUA DELLA FATA MORGANA

La statua della Fata Morgana dalla vendita del 1768 è passata di mano in mano (ed è a tutt’oggi proprietà di collezionisti privati inglesi) fino a riapparire magicamente a un’asta di Christie’s nel 1989, quando fu riconosciuta da illustri studiosi e storici dell’arte come la perduta statua del famoso ninfeo del Giambologna ed è per poco tempo tornata a Firenze, grazie all’intercessione di Patricia Wengraf Ltd. Una volta in occasione della mostra Magnificenza alla corte dei Medici. Arte a Firenze alla fine del Cinquecento (Museo degli Argenti di Palazzo Pitti, 24 settembre 1997 – 06 gennaio 1998) – l’altra per Il Cinquecento a Firenze. Tra Michelangelo, Pontormo e Giambologna (Palazzo Strozzi, 21 settembre 2017 – 21 gennaio 2018).

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Dal diario dell’alchimista Friedrich von Leben
redatto nel corso del suo viaggio in Italia svolto negli anni tra 1779 e 1786

Io preferiva allontanarmi nel segreto del giardino, dove in lontananza cominciavo a scorgere un casotto di color rosato con dettagli di bianca pietra, che invitava a scoprirne le fattezze. Giunto che fui più da presso alla costruzione vidi incredibilmente comparire alcune donne di bianco vestite che mi invitavano a entrare et stare attorno a una fonte, ove queste donne mi ballavano intorno porgendomi da bere acqua appena sgorgata direttamente dalle loro mani. Per terra un mosaico chiamava il posto Fata Morgana, guardandomi intorno ammiravo gli architravi sbozzati et simili a imponenti clavi et un tabernacolo cui le donne, sempre danzanti attorno a me, non mi facevano avvicinare.

Sola cosa concessami era di appressarmi alla fonte et alla grande statua che la sovrastava, da lì l’acqua tracimava da una vasca di pietra in un catino esagonale sovrastato dalla Fata.
Ai lati da due portali andavano et venivano le donne bianche fino a che non caddi svenuto al centro di detto luogo. Ivi mi destai molto dopo l’alba, ormai solo et convinto di aver vissuto un sogno. Per caso il mio sguardo finì nel catino et vidi i miei capelli più scuri et le rughe attorno agli occhi più sottili. Uscendo su un lato della costruzione trovai queste parole:

 

“Io son quella, o Lettor, fata Morgana
che giovin qui ringioveniva altrui
Qui dal Vecchietto, poiché vecchia io fui
ringiovenita colla sua fontana”

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Foto di Clara Vannucci

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

COME CONTRIBUIRE
ALLA RACCOLTA FONDI

Già da ora è possibile contribuire alla raccolta fondi:Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Le donazioni per “GIAMBOLOGNA E LA FATA MORGANA”
potranno essere effettuate tramite bonifico o Paypal

Già da ora è possibile contribuire alla raccolta fondi:Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

BONIFICO BANCARIO

 

c/c n. 50459100000004030 dell’ASSOCIAZIONE GIARDINO CORSINI
c/o Intesa Sanpaolo Spa – Agenzia 8 / Via il Prato, Firenze
IBAN: IT09 K030 6902 9921 0000 0004 030
SWIFT:BCITITMMXXX
Causale: GIAMBOLOGNA E LA FATA MORGANA

 

CARTA DI CREDITO

È possibile dare un contributo utilizzando la carta di credito attraverso PayPal

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Partecipando alla campagna di raccolta fondi “GIAMBOLOGNA E LA FATA MORGANA” i donatori diventeranno parte attiva della storia di ARTIGIANATO E PALAZZO.

 

L’iniziativa è aperta a tutti, la si potrà sostenere con qualunque cifra.

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

I sostenitori riceveranno diverse ricompense in base alla donazione effettuata: visite guidata alla “Fonte della Fata Morgana”, alla Mostra ARTIGIANATO E PALAZZO e all’Opificio delle Pietre Dure, invito al cocktail di anteprima, incontri e cene esclusivi, cappelli di paglia eseguiti a mano dalle aziende del Consorzio il Cappello di Firenze ed ispirati alla fata Morgana, pezzi unici dell’artista Nicola Toffolini ispirati al mito di Medusa e molto altro ancora.

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

ALTRI PROGETTI:
NICOLA TOFFOLINI

Già da ora è possibile contribuire alla raccolta fondi:Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

A completamento della campagna di raccolta fondi GIAMBOLOGNA E LA FATA MORGANA”, anche quest’anno Giorgiana Corsini e Neri Torrigiani hanno inoltre deciso di coinvolgere un giovane ed affermato artista contemporaneo a cui far produrre dieci opere in modo che le donazioni raccolte confluiscano nella raccolta fondi.

 

Sarà dunque Nicola Toffolini – l’artista ha appena ricevuto la prestigiosa borsa di studio Grant della Pollock Krasner Foundation di New York a riconoscimento ed a sostegno del suo lavoro –, attraverso un percorso già iniziato con con gli studenti del corso di scultura dell’Accademia di Belle Arti di Firenze del professor Cristian Biasci, a realizzare dieci pezzi unici presentati in un apposito Catalogo con un testo introduttivo di Antonio Natali, già direttore della Galleria degli Uffizi.

 

Foto di Claudio Pascarelli

 

Nuove opere d’arte ispirate a quelle del Giambologna sottratte nei secoli all’edificio della Fonte della Fata Morgana” e andate disperse: in primis il “mascherone” di Medusa – originariamente collocato nella nicchia esterna dalla quale i viandanti potevano approvvigionarsi dell’acqua – ma anche il “mostaccio di gatto” da cui zampillava l’acqua, lo stemma della famiglia Medici con relativo Toson d’Oro del Granduca Cosimo I di Toscana e il sole del “trigramma” di San Bernardino da Siena (la scelta del Santo è chiaramente legata al nome del committente Bernardo Vecchietti).

 

 

 

 

Il nostro auspicio – concludono Giorgiana Corsini e Neri Torrigiani – è quello poi di poter realizzare, nella grandezza originale la “nuova” immagine di Medusa tra quelle realizzate da Toffolini – e selezionata da una apposita Giuriaper collocarla là dove era stata pensata per accogliere e rinfrescare i viandanti di questo angolo di campagna toscana”.